Home Account Turismo Mappe e percorsi Tour virtuale Da visitare Romanico Personaggi G.B. De Rolandis Storia Scopri Foto Notizie Valle Versa Museo 'L Ciar
il Tricolore della Bandiera Italiana è nato a Castell'Alfero
Menu' del sito
Home Page
Notizie
Invia articolo
Archivio notizie
Argomenti

Scopri Castell'Alfero
Articoli piu' letti
Articoli piu' votati

Calendario degli eventi
Aggiungi un'evento

Download
Invia
Più scaricati
Più votati

Links
Segnala un Link
Links più visitati
Links più votati

Sondaggi
Cartoline virtuali
Guarda cartolina
Cartoline inviate e ricevute

Domande frequenti
Foto del Giorno
Previsioni meteo castellalferesi
ARPA Piemonte - BOLLETTINI
Temperatura e Pioggia realtime
Mappa del sito
Contattaci
TG3 Piemonte ULTIM'ORA
TG3 Piemonte Meteo video
CCISS viabilità e Isoradio
Farmacie di turno ad Asti
Notizie RSS
Fasi Lunari
L'ora nel mondo
Banner pubblicitari

Scopri Castell'Alfero
CENNI STORICI
 » Cronologia
COMUNE
COMUNITA' COLLINARE
DA VISITARE
 » Castello dei Conti Amico
 » Chiesa romanica Madonna della Neve
 » Museo 'L CIAR
 » Roseto della Sorpresa
IL TRICOLORE
LAFRANCAISE
LAVORO
 » Cassa Integrazione
 » Riforma TFR
 » Sentenze
LE REALTA'
 » Anime del Castello
 » Comitato Palio
 » Gruppo CRI
 » Pro Loco Callianetto
 » Sezione AVIS
PARROCCHIE
PERSONAGGI
 » Alan Silvestri
 » Attilio Martinetto
 » Enrico Iviglia
 » Famiglia Amico
 » Famiglia De Rolandis
 » Gianduja
 » Kenneth Scharf
 » Luciano Ravizza
SPORT
TERRITORIO-POPOLAZIONE
TURISMO
 » Manifestazioni
 » Mappe e percorsi
 » Mostre
 » Romanico in valle Versa
 » Video turistici
 » Viviverde
VARIE
 » Libri

Conosci Castell'Alfero

Castell'Alfero su Facebook

Tour virtuale 3D di Castell'Alfero

Web ufficiale del Comune

Forum su Castell'Alfero

Foto: scorci

Foto: panorami

Foto: notturne

Foto d'epoca: panorami

Foto d'epoca: luoghi

Foto d'epoca: persone

Sfondi per il desktop

Piemonteis Val Versa

Noi di Castell'Alfero

Comunità in cammino

Eventi in zona

Calendario eventi astigiani

Database turistico astigiano

Piemonte ciclabile

Trekking tra i vigneti

Itinerari per mototuristi

Botteghe del vino

Produttori vino Barbera DOCG

Produttori vino Asti DOCG

150° Unità d'Italia

Consiglio Reg.Piemonte in diretta

TG Piemonte - Rete 7 video


Ultime news Piemonte e Asti
ATNews
- Il ricordo di Luigi Viola ha chiuso gli appuntamenti con la memoria della Cgil di Asti
- Nessun astigiano per l’ATC Sud, PD Asti: “Perché Carosso e Gabusi non hanno garantito almeno una nomina?”
- Gianni Rodari protagonista alla scuola di Calliano per “Libriamoci” con Fata Zucchina e Patrizia Brignolo
- Al santuario di Incisa Scapaccino la celebrazione della Virgo Fidelis, patrona dell’Arma dei Carabinieri
- “Raccontami il Natale”: i nomi della giuria del Premio letterario
- Come accompagnare i bambini nella crescita: un seminario alla scuola di Serravalle d’Asti
- Ritirata la proposta di recesso da Avviso Pubblico: la soddisfazione di Libera Asti
- Rubano la borsa ad una donna e usano le carte di credito: rintracciati dalla Polizia Ferroviaria
- Open School alla Primaria “Dante Alighieri” ad Asti
- L’esempio di San Giuseppe Cottolengo ai nostri giorni: ad Asti una serata di riflessione su sanità e solidarietà



Quotidiano Piemontese - Asti
- Rubavano ruspe e trattori, 6 arresti tra Torino, Asti e Alessandria
- Continua la pioggia nell’Alessandrino e Astigiano: locali allagamenti e frane causano disagi al traffico
- Maltempo in Piemonte, la situazione è sotto controllo, scuole chiuse in 32 comuni dell’alessandrino
- Per evitare il pignoramento dell’immobile uccise con un colpo di fucile il perito, 92enne condannato a 30 anni
- Si faceva timbrare il cartellino e si presentava dopo al lavoro, condannato ex capo dei vigili di Villanova
- Maltempo, torna l’allerta arancione in Piemonte
- Ragazzo di 23 anni muore in un incidente a San Damiano, ubriaco l’amico che guidava
- Anziana muore insieme ai suoi due cani nell’astigiano: probabile intossicazione da fumi tossici
- Esplosione cascina di Quargnento: aggiornamento sulle condizioni degli uomini rimasti feriti
- Chiesti 9 anni per l’uomo accusato di abusi sulla figlia minorenne ad Asti

visita la Sala Stampa della Provincia di Asti
visita il sito web del Consiglio Regionale del Piemonte

Translate Italian to English Translate Italian to French Translate Italian to German Translate - Italian to Spanish Translate Italian to Dutch Translate Italian to Albanian Translate Italian to Romanian Translate Italian to Russian Translate Italian to Chinese Translate Italian to Arabic Translate Italian to Greek
 
  • LE ULTIME NEWS mantieniti sempre aggiornato sulle notizie di Castell'Alfero, ISCRIVITI ai feed RSS di castellalfero.net!

  • 6-7.10.2018 La mela dell'AISM   |  07.10.2018 visite guidate a Castello e Museo   |  Wiki Loves Monuments Italia 2018   |  28.09.2018 Gara di torte   |  28.09.2018 validazione Area elisoccorso   |  Guida Tv silvestriana dal 23 al 29 settembre   |  21.09.2018 La più grande notte delle chitarre   |  Mostra I linguaggi diversi dell'arte   |  Guida Tv silvestriana dal 16 al 22 settembre   |  16.09.2018 ingresso ufficiale di Don Sganga a Callianet..   |  Guida Tv silvestriana dal 9 al 15 settembre   |  

  • Questi i PRINCIPALI PROSSIMI EVENTI che riguardano Castell'Alfero

  • tutti gli eventi castellalferesi del 2018 sabato 8 e domenica 9 settembre CALLIANETTO AL FESTIVAL DELLE SAGRE DI ASTI la Proloco di Callianetto partecipa con un proprio stand enogastronomico e alla sfilata del 45° festival delle Sagre, con altre 40 Proloco astigiane

    domenica 7 ottobre 2018 pomeriggio VISITE GUIDATE AL CASTELLO E AL MUSEO 'L CIAR due visite a cura del Comune e dell'Associazione C'era una volta


    Scopri Castell'Alfero : CENNI STORICI :

    Breve storia di Castell'Alfero Data di invio 7/1/2006 Versione stampabile
    QR Code con url articolo

    Il paese di Castell’Alfero sorge su una collina del versante destro della vallata percorsa dal torrente Versa; il concentrico è riunito in un compatto gruppo di caseggiati attorno alla parte più alta della collina dove sorge il castello, e l'abitato si prolunga verso sud con numerosi gruppi di case sul crinale della collina in regione Serra Perno mentre, a sud-ovest, nel fondo valle si trova la frazione Callianetto; la frazione Stazione, sede ferroviaria, in questi ultimi cento anni si è molto ampliata nel piano della valle Versa.
    Il punto più elevato del concentrico è circondato da un alto recinto murato al quale si accede da due antiche porte; qui sorgeva l’antico castello andato distrutto in epoca non precisata, sostituito dall'attuale che è piuttosto un grande palazzo, la cui costruzione si deve alla famiglia Amico; gli alti e robusti muraglioni sono la testimonianza della robusta e ampia fortificazione che proteggeva il nucleo centrale dell'abitato.

    La storia di Castell'Alfero non è legata esclusivamente a quella del suo maniero, ma inizia secoli prima.

    La zona nella Valle Versa era attraversata dall'antica strada romana che collegava Hasta (Asti) a Rigomagus (Trino Vercellese) e sicuramente già abitata a quell'epoca, fatto confermato dal ritrovamento di reperti archeologici nei pressi del confine col comune di Tonco, vicino alla Cascina Sangona.
    La strada romana era chiamata "via levata" e si pensa che seguisse il torrente Versa sino in prossimità dell'attuale Ponte della Paglia per poi seguire il rio Viazza (il cui nome è di origine romana), passando sotto l'attuale Perrona e dirigersi verso Penango, come fa oggigiorno il percorso della linea ferroviaria Asti-Casale.
    Di sicura origine romana è il nome del bricco Pogliano, rimasto dal nome di una costruzione sorta ai lati della importante strada che collegava la Pianura Padana e Vercelli alle grandi vie "Aemilia Scauri" e "Postumia" provenienti dal mare ligure.

    Località oggi scomparse, ma che sorgevano sul territorio comunale di Castell'Alfero, compaiono in vari documenti del periodo dei Franchi (X - XII secolo); queste sono:
    Masio, villa viteres (vicinanze Valmaggiore),
    Vallescaria (tra Castell'Alfero e Callianetto) dove vi erano una chiesa ed un castello
    Valle di S.Pietro (la valle del versa nel tratto dalla frazione Stazione a Frinco) in cui sorgeva l'abitato di S.Pietro di Guadarobio
    Viale (località prossima alla chiesa Madonna della Neve che ne era l'edificio di culto)

    Il torrente Versa fungeva da confine fra i territori del libero Comune di Asti e del Marchesato del Monferrato.
    Nel 1159 l'imperatore Barbarossa confermò sotto la giurisdizione di Asti le ville di Barche e Cassano, oggi scomparse ma identificabili con due cascine del territorio di Castell'Alfero che ne hanno conservato il nome.
    Le due postazioni, che già esistevano nel XI secolo, vista la loro posizione esposta a scorrerie dei Monferrini, erano dotate di fortificazioni come risulta da documenti del '300.

    Su di una collina prossima alle due sopraindicate "ville" esisteva già una roccaforte, indicata in più documenti come "castrum Alferii", cioè il castello di Alferio; l'edificio era di origine antica, ma non è accertata l'epoca precisa in cui sorse; passò sotto il dominio di Asti fra il 1159 ed il 1189, probabilmente fu conquistato con le armi e gli abitanti forzatamente trasferiti a valle.
    Il Codice Astese con parecchi documenti (dal 747 al 753) dimostra che Castell'Alfero era sotto il potere di Asti nel 1189. E' provato non solo dai documenti accennati ma anche da un atto del 1191 riportante una convenzione tra gli astigiani ed il marchese di Monferrato concluso il 25 agosto di quell'anno nel territorio di Castell'Alfero nei pressi del torrente Versa.

    Si potrebbe ritenere che la denominazione di "Castrum Alferii" citata nel Codice Astese, riguardasse l'abitato di fondo valle, anch'esso fortificato come testimonia l’esistenza di una vecchia torre scomparsa oltre un secolo fa e che era situata presso la odierna cascina Boana, un abitato indicato come San Pietro di Guadarobio.

    Dunque l'abitato era posto nella piana della Versa ed è certo che l'attuale Castell'Alfero ebbe origine dagli stessi abitanti che vivevano nella valle, i quali si trasferirono nuovamente in collina ripristinando e migliorando le fortificazioni del vecchio castrum, sotto la protezione del Comune di Asti, dopo la distruzione delle proprie case avvenuta nel 1290 ad opera dei Monferrini.
    In quell'anno gli astigiani, in guerra contro il marchese Guglielmo di Monferrato, aiutati dal conte Amedeo di Savoia si erano portati nelle vicinanze di Tonco e lì avvenne una battaglia nella quale furono sconfitti ed inseguiti fin presso la città di Asti; fu durante questo inseguimento lungo la valle Versa che il borgo di San Pietro di Guadarobio fu incendiato e completamente distrutto e gli abitanti furono costretti a rifugiarsi in Asti.

    Castell'Alfero aveva dunque la protezione degli astigiani, inoltre il 3 agosto del 1333 fu emanata una solenne dichiarazione in base alla quale i suoi abitanti furono messi alla pari dei cittadini di Asti e proclamati liberi da qualsiasi dipendenza, tranne quella di Asti di cui facevano parte integrante.

    Nel 1364 Castell'Alfero, che era passato per un breve tempo sotto il dominio dei Monferrini, ritornò ad Asti per mediazione di papa Urbano V nelle dispute fra Galeazzo Visconti e Giovanni II di Monferrato.

    Il paese nel 1386 fu, insieme ad altre terre, assegnata in dote a Valentina Visconti, andata a sposa a Carlo d'Orleans; dal documento stipulato per la dote risulta che Castell'Alfero era una terra popolata e chiusa da mura e che formava parte della provincia di Asti; inoltre è scritto che il paese aveva la sua amministrazione comunale, cioè un consiglio particolare, prerogativa di cui non godevano tutte le terre Astigiane che dipendevano invece nella quasi totalità da un feudatario o dal Vescovo.

    Ciò nonostante questo comune ebbe varie divergenze con la città di Asti; nell’archivio di questa citta si conservano alcuni documenti che riguardano i litigi insorti fra gli abitanti del paese e quelli della città; questi dissidi furono definiti con una transazione del 20 giugno 1482, nella quale si stabilirono norme per più eque imposte, ed un arbitrato del 19 dicembre 1561 col quale si determinava di nuovo che Asti e Castell'Alfero fossero un corpo unico, in modo che ogni abitante del villaggio godesse gli stessi privilegi del cittadino e tutti si chiamassero cittadini di Asti.

    Il 30 novembre 1616 durante la guerra di successione del Monferrato, Castell'Alfero venne saccheggiato e bruciato dai soldati del duca di Mantova che era in guerra coi Savoia.

    Asti era passato con tutto il contado alla dipendenza del duca di Savoia sulla fine del secolo XVI; Carlo Emanuele I nel 1619, non tenendo conto dei precedenti accordi stipulati fra Asti e Castell'Alfero, dava il paese in feudo a Gerolamo Germonio, dei marchesi di Ceva e dei signori di Sale in cambio del feudo di Peveragno.

    Pochi anni dopo i Germonio, il 18 aprile 1640 vendettero il feudo al borghese Alessandro Amico (1599-1648) che venne investito del feudo nel 1643.
    Alessandro era il controllore delle finanze dei Savoia e fu il capostipite della famiglia Amico che fece del castello la propria residenza; ultimo conte invece fu Paolo Gioachino Carlo Luigi Amico, ministro di Stato, che morì senza prole nel 1832.
    Fu durante la signoria degli Amico che il castello fu profondamente modificato e prese l'attuale forma, attorno al 1730.

    Nel 1643 gli Amico ottennero anche i feudi di Quarto e di Portacomaro

    Nel 1705 durante la guerra di successione di Spagna un reggimento di cavalleria francese occupò il paese; nel maggio dello stesso anno le truppe piemontesi mossero verso Castell'Alfero e con un attacco improvviso sorpresero i francesi, ma non riuscirono a scacciarli dal paese. Nel successivo mese di settembre i volontari piemontesi tentarono ancora di cacciare francesi, senza però riuscirvi. Il conte di Robella mandò alcuni parlamentari per invitare il comandante francese alla resa, ma questi rifiutò. Il 13 ottobre seguente cinquecento monferrini ripeterono l'attacco contro i francesi, e dopo aspro combattimento riuscirono ad averne ragione obbligando i francesi ad abbandonare il paese e allontanarsi.

    Nella guerra di successione d'Austria, nel settembre 1745 l'abitato fu di nuovo occupato da un reparto francese, proveniente dal castello di Moncalvo; questi ne fecero il loro campo invernale, obbligando gli abitanti alla loro sussistenza. Nel marzo dell'anno successivo alcune compagnie di volontari piemontesi diedero l'assalto ed espugnarono il castello dopo avere appiccato il fuoco alla porta detta del Viale (una delle due porte di accesso); i francesi sorpresi dalla improvvisa irruzione e dalle fiamme che minacciavano il castello in cui erano accasermati, furono costretti a capitolare.

    Il paese dovette sopportare le gravi imposizioni del regime durante l'epoca dell'occupazione francese, seguita all'armistizio di Cherasco del 1796, che travagliarono tutta la regione piemontese sino al principio del XIX secolo.

    In tal periodo corse pericolo di essere incendiato il palazzo Amico: nel luglio 1800 i contadini Castell'Alferesi, spinti dalla fame e dalla miseria, si ribellarono sanguinosamente agli odiati Francesi, ma furono costretti dai transalpini, meglio armati e più numerosi, a rifugiarsi nel castello. I Francesi assaltarono il castello e posero fine alla rivolta rinchiudendo i capo-sommossa nelle carceri di Asti.

    Durante l'impero di Napoleone l'ultimo conte Amico divenne ciambellano di corte della principessa Paolina Borghese, sorella di Napoleone, ed ottenne il cavalierato imperiale.

    Estintesi nel 1832 gli Amico, il Castello passa, contrariamente alle disposizioni testamentari che lo volevano ceduto al conte Alessandro Casanova, nelle mani degli Arborio Mella nel 1896 dopo lunghe battaglie legali e successivamente alla famiglia Ottolenghi di Asti.

    Nel 1905 il comune acquista il castello per 64.000 lire, per farne la propria sede Municipale.
     
        
     
    --------------------------------------------------------------------------------
     
     BIBLIOGRAFIA:
    - DEZZANI Gen. Edoardo - La valle del Torrente Versa ed i suoi castelli -1959
    - testo dattiloscritto di DE ROLANDIS Ito
    - SETTIA Aldo - Strade romane e antiche pievi fra Tanaro e Po
    - VERGANO Lodovico - Tra castelli e torri nella provincia di Asti - 1962
    - BORDONE Renato - Andar per castelli da Asti tutt'intorno
    - BORDONE Renato - Città e territorio nell'alto medioevo - 1980

    Voto: 8.00 (2 voti) Vota questo articolo | Segnala ad un amico
    Autore: Admin

    Le ultime sul sito
    Oggi · Ieri · Settimanali O  I  S 

    Non ci sono nuove negli ultimi 7 giorni
    Informazioni Turistiche   dove mangiare   dove dormire
    vai al Gruppo eventi castellalferesi su Facebook  segui Castell'Alfero su Twitter  mantieniti sempre aggiornato sulle notizie di Castell'Alfero, ISCRIVITI ai feed di castellalfero.net!  cerca su Youtube i filmati che riguardano Castell'Alfero
    fai un tour turistico virtuale di Castell'Alfero in 2D o 3D con Google Street View  vedi le foto di Castell'Alfero sulla mappa satellitare di Panoramio  vedi le foto di Castell'Alfero pubblicate su Flikcr  il Comitato Palio di Castell'Alfero che partecipa al Palio di Asti
    visita il sito web Comunale UFFICIALE
    come e dove sposarsi con rito civile a Castell'Alfero
    Castell'Alfero App e Web-app per smartphone

    Cerca nel sito

    Previsioni Meteo

    Si festeggia oggi
    Giovedì 21 novembre 2019
    Presentazione di Maria B.V.

    Foto del Giorno

    Notizie recenti
     · 6-7.10.2018 La mela dell'AISM
     · 07.10.2018 visite guidate a Castello e Museo
     · Wiki Loves Monuments Italia 2018
     · 28.09.2018 Gara di torte
     · 28.09.2018 validazione Area elisoccorso
     · Guida Tv silvestriana dal 23 al 29 settembre
     · 21.09.2018 La più grande notte delle chitarre
     · Mostra I linguaggi diversi dell'arte
     · Guida Tv silvestriana dal 16 al 22 settembre
     · 16.09.2018 ingresso ufficiale di Don Sganga a Callianet..
     · Guida Tv silvestriana dal 9 al 15 settembre
     · 8-9.09.2018 Callianetto al Festival delle Sagre
     · Calendario scolastico 2018-19 Istituto Comprensivo
     · 04.09.2018 in edicola AVENGERS: INFINITY WAR
     · Guida Tv silvestriana dal 2 all'8 settembre
     · 02.09.2018 Convegno sui Religiosi di Frinco
     · 31.08.2018 LP picture disc AVENGERS: INFINITY WAR
     · 31.08-03.09.2018 Castello in arte
     · 02.09.2018 Palio di Asti
     · 29.08.2018 gli home video di AVENGERS: INFINITY WAR
     · 31.08-04.09.2018 Festa Patronale di Castell'Alfero
     · 31.08.2018 Cena propiziatoria al Palio di Asti
     · Guida Tv silvestriana dal 26/08 al 1°/09
     · 26.08.2018 Festa Chiesa della Stazione
     · 26.08.2018 visite guidate a Castello e Museo
     · 20.08.2018 Gita della Riconoscenza

    Chi è online
     7 visitatori
     0 iscritti

    Sei un Anonimo.
    REGISTRATI ORA!