Home Account Turismo Mappe e percorsi Tour virtuale Da visitare Romanico Personaggi G.B. De Rolandis Storia Scopri Foto Notizie Valle Versa Museo 'L Ciar
il Tricolore della Bandiera Italiana è nato a Castell'Alfero
Menu' del sito
Home Page
Notizie
Invia articolo
Archivio notizie
Argomenti

Scopri Castell'Alfero
Articoli piu' letti
Articoli piu' votati

Calendario degli eventi
Aggiungi un'evento

Download
Invia
Più scaricati
Più votati

Links
Segnala un Link
Links più visitati
Links più votati

Sondaggi
Cartoline virtuali
Guarda cartolina
Cartoline inviate e ricevute

Domande frequenti
Foto del Giorno
Previsioni meteo castellalferesi
ARPA Piemonte - BOLLETTINI
Temperatura e Pioggia realtime
Mappa del sito
Contattaci
TG3 Piemonte ULTIM'ORA
TG3 Piemonte Meteo video
CCISS viabilità e Isoradio
Farmacie di turno ad Asti
Notizie RSS
Fasi Lunari
L'ora nel mondo
Banner pubblicitari

Scopri Castell'Alfero
CENNI STORICI
 » Cronologia
COMUNE
COMUNITA' COLLINARE
DA VISITARE
 » Castello dei Conti Amico
 » Chiesa romanica Madonna della Neve
 » Museo 'L CIAR
 » Roseto della Sorpresa
IL TRICOLORE
LAFRANCAISE
LAVORO
 » Cassa Integrazione
 » Riforma TFR
 » Sentenze
LE REALTA'
 » Anime del Castello
 » Comitato Palio
 » Gruppo CRI
 » Pro Loco Callianetto
 » Sezione AVIS
PARROCCHIE
PERSONAGGI
 » Alan Silvestri
 » Attilio Martinetto
 » Enrico Iviglia
 » Famiglia Amico
 » Famiglia De Rolandis
 » Gianduja
 » Kenneth Scharf
 » Luciano Ravizza
SPORT
TERRITORIO-POPOLAZIONE
TURISMO
 » Manifestazioni
 » Mappe e percorsi
 » Mostre
 » Romanico in valle Versa
 » Video turistici
 » Viviverde
VARIE
 » Libri

Conosci Castell'Alfero

Castell'Alfero su Facebook

Tour virtuale 3D di Castell'Alfero

Web ufficiale del Comune

Forum su Castell'Alfero

Foto: scorci

Foto: panorami

Foto: notturne

Foto d'epoca: panorami

Foto d'epoca: luoghi

Foto d'epoca: persone

Sfondi per il desktop

Piemonteis Val Versa

Noi di Castell'Alfero

Comunità in cammino

Eventi in zona

Calendario eventi astigiani

Database turistico astigiano

Piemonte ciclabile

Trekking tra i vigneti

Itinerari per mototuristi

Botteghe del vino

Produttori vino Barbera DOCG

Produttori vino Asti DOCG

150° Unità d'Italia

Consiglio Reg.Piemonte in diretta

TG Piemonte - Rete 7 video


Ultime news Piemonte e Asti
ATNews
- Asti, venerdì iniziativa in solidarietà a Patrick Zaky
- Dal M5S di Asti parte l’iniziativa “Alberi per il futuro”
- Asti, i corsi di formazione professionale alla Casa del Popolo riprendono con “Un mare di plastica”
- Castagnole Monferrato: “E se nascesse un Parco Avventura in alternativa al Motocross?”
- Canelli, Teatro: domenica debutto di “Alice nel paese delle meraviglie” degli Acerbi
- La Sezione ANA di Asti presente alle Alpiniadi 2020
- Truffe ad anziani in Liguria: due astigiani fermati dai Carabinieri
- Asti, Public: continua la stagione teatrale allo Spazio Kor
- Prefettura di Asti, referendum costituzionale: tutte le regole della propaganda elettorale
- L’Oroscopo della settimana dal 17 al 23 febbraio



Quotidiano Piemontese - Asti
- Contromano in autostrada sulla Asti – Cuneo causa incidente con 4 feriti
- Incidente mortale nell’Astigiano: Uomo muore schiacciato dal suo trattore
- Canelli, spaccio di droga e violenti pestaggi dei tossicodipendenti debitori: 3 arresti e 1 a piede libero
- Le città italiane che leggono più romanzi rosa secondo Amazon, indietro le piemontesi
- Polemiche per il fumetto sulle Foibe distribuito nelle scuole del Piemonte
- Asti, violenta lite tra vicini di casa con colpo da fucile, nessun ferito
- Spaccio di cocaina, eroina e anfetamine ad Asti, Operazione “Riki Cod”: arrestate 15 persone
- Furia a Canelli: 35enne litiga con i genitori e uccide il cane a colpi di badile
- Fuori strada con l’auto a Costigliole d’Asti, muore uomo di 48 anni
- Vento fino a 200 km/h sul Piemonte, danni e alberi caduti

visita la Sala Stampa della Provincia di Asti
visita il sito web del Consiglio Regionale del Piemonte

Translate Italian to English Translate Italian to French Translate Italian to German Translate - Italian to Spanish Translate Italian to Dutch Translate Italian to Albanian Translate Italian to Romanian Translate Italian to Russian Translate Italian to Chinese Translate Italian to Arabic Translate Italian to Greek
 
  • LE ULTIME NEWS mantieniti sempre aggiornato sulle notizie di Castell'Alfero, ISCRIVITI ai feed RSS di castellalfero.net!

  • 6-7.10.2018 La mela dell'AISM   |  07.10.2018 visite guidate a Castello e Museo   |  Wiki Loves Monuments Italia 2018   |  28.09.2018 Gara di torte   |  28.09.2018 validazione Area elisoccorso   |  Guida Tv silvestriana dal 23 al 29 settembre   |  21.09.2018 La più grande notte delle chitarre   |  Mostra I linguaggi diversi dell'arte   |  Guida Tv silvestriana dal 16 al 22 settembre   |  16.09.2018 ingresso ufficiale di Don Sganga a Callianet..   |  Guida Tv silvestriana dal 9 al 15 settembre   |  

  • Questi i PRINCIPALI PROSSIMI EVENTI che riguardano Castell'Alfero

  • tutti gli eventi castellalferesi del 2018 sabato 8 e domenica 9 settembre CALLIANETTO AL FESTIVAL DELLE SAGRE DI ASTI la Proloco di Callianetto partecipa con un proprio stand enogastronomico e alla sfilata del 45° festival delle Sagre, con altre 40 Proloco astigiane

    domenica 7 ottobre 2018 pomeriggio VISITE GUIDATE AL CASTELLO E AL MUSEO 'L CIAR due visite a cura del Comune e dell'Associazione C'era una volta


    Scopri Castell'Alfero : VARIE : Libri :

    libri: Sicilia 1713 Data di invio 26/7/2006 Versione stampabile
    QR Code con url articolo

     

    SICILIA 1713 RELAZIONI PER VITTORIO AMEDEO DI SAVOIA
    di Salvo di Matteo
    edito
    dalla Fondazione Culturale Lauro Chiazzese della Sicilcassa
    anno 1994

    Interessante volume che riprende, fra le altre le relazioni, quelle fatte ad inizio ‘700 dal Cavaliere Castellalfero a Vittorio Amedeo di Savoia, che fu Re di Sicilia dal 1713 al 1718.
    Queste relazioni, che aprono il volume, riguardano le esplorazioni delle intere coste della Sicilia, compiute su incarico reale da Alessandro Ignazio Francesco Amico. Vi sono anche numerose osservazioni a carattere generale e pareri sulla costruzione di fortificazioni difensive.

    Questo l’indice completo del volume:
    - Premessa di Francesco Pillitteri
    - Introduzione di Salvo Di Matteo
    - Relazioni sulla Sicilia per Vittorio Amedeo di Savoia
    - Alessandro Ignazio Amico di Castellalfero
    "Relazione istoriografica delle città, castelli, forti e torri esistenti ne’ littorali del Regno di Sicilia"
    - Anonimo spagnolo
    "Relatione generale dello stato presente del Regno di Sicilia"
    - Giuseppe Gari
    "Trattato delle piazze d’armi e fortezze del Regno di Sicilia"
    - Card. Francesco Del Giudice
    "Notitie per il governo del Regno di Sicilia"
    - Andrea Statela
    "Relatione generale del Regno di Sicilia"
    - Marchese di Trivié
    "Notitie riguardanti il Regno di Sicilia, cioè: Memoria del prete D. Francesco Gerboni concernente la qualità del Paese; Memoria sovra le prerogative del Tribunale del S. Officio; Notitie generali sovra le qualità del Regno"
    - Carlo Gerolamo Battaglia
    "Notizia generale di tutto quello che si ritrova nel Regno di Sicilia"
    - Agatino Aparo
    "Memoria dello stato politico della Sicilia"


    Qui sotto vi è una parte dell’introduzione del volume, scritta da Salvo di Matteo, il quale ha curato anche la stesura di tutto il volume, compreso un leggero adattamento dei testi originali ad un italiano più corrente.

    -----------------------------------------------------------------------------------------------------------

    Le relazioni sulla Sicilia (1713-1714)
    Vittorio Amedeo era - si è visto - tutt'altro che disinformato delle condizioni e dell'organizzazione istituzionale dell'isola, quando venne in Sicilia: cosa che, del resto, apparteneva al suo spirito razionalistico, alla sua mentalità sistematica, alla disciplina dei suoi comportamenti.
    Con la complessa realtà ambientale del paese aveva cominciato a prendere contatti conoscitivi già all'indomani delle decisioni di Utrecht; in Torino, alla Venaria, alle numerose e folte ambascerie venute a ossequiarlo dal suo nuovo regno non aveva mancato di chiedere ogni notizia sulle cose di Sicilia; e in particolare s'intrattenne a parlarne col cavaliere Carlo Requesenz, fratello del principe di Pantelleria, giunto fra i primi all'inizio di giugno. Ma poi molte altre furono le fonti delle sue informazioni: egli stesso ne sollecitò, facendo scrivere a varie personalità al corrente delle faccende dell'isola che gli comunicassero gli opportuni ragguagli sulle condizioni del paese, sullo stato dell'amministrazione e delle difese, sui costumi degli abitanti, sulle istituzioni; altre gli pervennero, non richieste, da personaggi talora oscuri e solo desiderosi di assicurarsi con la loro iniziativa il favore del monarca o sinceramente desiderosi di giovare all'azione di governo; alcune relazioni furono, infine, frutto di incombenze più tardi commesse a speciali incaricati.
    Si rivolse, ad esempio, al cardinale Del Giudice, stato viceré in Sicilia nei primi anni del secolo e a quel tempo residente a Madrid, assiduo alla corte di Filippo V e della consorte Maria Luisa di Savoia, il quale gli comunicò "quei lumi che forse non sono generalmente avvertiti e possono contribuire al regolato governo del regno di Sicilia... acquistati in quattro anni di risidenza"; dal marchese di Trivié, un piemontese che nel settembre del 1713 spedirà ambasciatore a Londra, si fece raccogliere alcune memorie di gente ch'era stata in Sicilia; e così altre relazioni gli trasmisero l'abate di Lavriano, il senatore Dentis, ch'era un piccolo feudatario della zona d'Ivrea, e - preziosissima questa - un nobile siciliano da tempo residente a Torino, il barone Agatino Aparo, ben al corrente tuttavia delle cose della sua terra.
    a molti siciliani ricevette inoltre il sovrano una varia letteratura sull'isola: dal principe di Campofiorito, don Luigi Reggio e Branciforte, uno dei signori venuti a riverirlo a Torino, che, probabilmente per richiesta del re, gli spedì poi una breve Relatione generale dello stato presente del regno di Sicilia, qualità e situazione delle piazze, città e porti e un'altra sulla città di Palermo; dal gentiluomo Carlo Gerolamo Battaglia, forse anch'egli componente d'una delle comitive recatesi in Piemonte; da un tal capitano Giuseppe Gari, nobiluomo di Taormina, come si professa, zelantissimo nel segnalare al sovrano lo stato delle difese della Sicilia; da un troppo ossequioso e cortigianesco, ma informatissimo, Andrea Statella. Era tanto, alla fine, quel materiale e così composito e frammentario, che un funzionario regio, il presidente Presset, si preoccupò di dargli organica sistemazione in un diligente "Ristretto", che costituisce una sorta di guida disposta per argomenti. Peccato che, redatto nel 1713, tale sommario non sia stato poi aggiornato con la documentazione d'epoca successiva.
    Del 1714 è, infatti, una fondamentale descrizione dello stato dei litorali della Sicilia, compilata da un nobile astigiano, il cavaliere di Castellalfero, ingegnere e colonnello d'artiglieria, incaricato dal sovrano di una attenta ricognizione lungo le coste dell’isola, il quale altre più modeste relazioni redasse, come vedremo, sulle fortificazioni e sull'armamento delle piazzeforti del Regno. Chiare le finalità eminentemente militari della missione dell'ufficiale piemontese: del resto, non diversamente si spiegherebbe l'affidamento del mandato a un tecnico d'artiglieria, anche se poi non il solo rilievo della costa e la valutazione dello stato delle fortificazioni costiere rientrarono nel resoconto dell'inviato di Vittorio Amedeo, cui non sfuggirono i profili economici oltre che topografici e logistici dell'oggetto della propria missione.
    Il materiale raccolto - quello pervenuto a Corte prima della partenza di Vittorio Amedeo, le relazioni e i rapporti successivamente trasmessi, le carte infine portate seco dalla Sicilia dal viceré Maffei - venne depositato nella Segreteria regia, donde confluì più tardi nell'Archivio di Stato di Torino, sistemato in un cosiddetto "Guardaroba del Regno di Sicilia", oggi più modernamente "Fondo Sicilia".
    Fu Antonio Salinas, allora giovanissimo ufficiale di seconda classe nel Grande Archivio di Palermo e impegnato in alcuni lavori di carattere archivistico-diplomatico prima di dedicarsi interamente agli studi archeologici, che, inviato nell'aprile del 1861 dal Ministero a Torino allo scopo di ricercarvi i documenti relativi al regno in Sicilia di Vittorio Amedeo II, per primo ebbe a dar notizia di quell'inesplorato fondo in un'agile pubblicazione venuta alla luce nello stesso anno; e, dopo di lui, nel 1872, il palazzese Giuseppe Spata, che poté esaminare le carte durante il suo breve servizio nel R. Archivio di Torino; ultimo a interessarsene, negli anni 1910-11, il torinese Paolo Revelli, storico della geografia e della cartografia, seppure limitatamente alle scritture d'argomento geografico e corografico.
    Malgrado, dunque, da più di un secolo ne fosse nota l'esistenza, il fondo è rimasto sostanzialmente inedito; solo due documenti hanno visto la luce, nel primo quindicennio del nostro secolo, nelle pagine dell'"Archivio storico per la Sicilia orientale": fra queste, l’importante Memoria dello stato politico della Sicilia del barone Aparo, uno scritto ricco di notizie e di suggerimenti che decisivamente, come già accennato, hanno influenzato le risoluzioni di Vittorio Amedeo e che, redatto dall'Autore in francese, e nel testo originale pubblicato per la prima volta nel 1734 ad Amsterdam, apparve poi in traduzione italiana nel 1915 nella rivista catanese, che l'anno prima aveva pubblicato la Notitia generale di tutto quello che si ritrova nel Regno di Sicilia del Battaglia; ma di ciò vedremo a suo luogo.
    A noi è parso che, non solo questi due documenti, testimonianza delle condizioni e dei bisogni dell'isola all'inizio del breve regno sabaudo, ma anche gli altri qui trascritti meritassero di vedere la luce in una organica raccolta che ci parli della Sicilia del 1713 attraverso le attestazioni di indigeni e forestieri, cittadini del paese e inviati speciali al servizio del governo, tutti ugualmente viaggiatori - nella dimensione dell'analisi politica e di costume o nell'altra più diretta dell'esplorazione sul campo - all’interno di una realtà che, appunto in virtù di siffatte memorie, meglio si definisce e sostanzia.
    Ciò spiega l'inserimento in questo volume di scritti di autori che in realtà "viaggiatori" non sono: unico "viaggiatore", più esattamente "esploratore", è il Castellalfero, straniero al paese, spedito a percorrere e descrivere la Sicilia lungo il perimetro delle sue coste; e per questo, non solo per i suoi caratteri introduttivi (il documento ci appresta, infatti, il preliminare ragguaglio geografico), la relazione del piemontese, sebbene cronologicamente posteriore di alcuni mesi alle altre qui pubblicate, apre il volume. Ma si avverta che lo scritto è, nella letteratura del suo genere, un autentico strumento di riferimento, frutto della ricognizione accurata di un esperto, la prima condotta a distanza di quasi un secolo e mezzo da quelle più note di Tiburzio Spannocchi e del Camilliani e perciò suscettibile di aggiornarne i dati e comunque di consentirci gli opportuni confronti.
    Quanto ai suoi contenuti, non solo lo stato delle coste la relazione documenta e le loro potenzialità strategiche, ma anche la condizione delle piazze marittime; rileva la presenza e lo stato di torri e tonnare, di corsi e sorgenti d'acqua e le capacità ricettive di seni e ridotti, con molte informazioni sulle difese costiere; aggiunge ragguagli di prima mano sulle attività economiche dei siti (città, terre, caricatori) e, poiché anche in ciò era l'obiettivo del periplo dell'inviato, informa sui commerci di frodo che dai baroni e da altri privati in molti luoghi si operavano a detrimento del fisco. Sicché ci sembra che ingiustamente sia stato fin qui negletto questo interessante documento.
    Dicevamo unico viaggiatore il Castellalfero, ma non il solo forestiero, in verità, a parlarci in questo volume della Sicilia: spagnolo è, infatti, l’anonimo autore della seconda relazione, probabilmente un militare o un funzionario che scriveva per il suo governo negli ultimi giorni del Viceregno, in un clima di estrema incertezza per le sorti dell'isola (sono trasparenti nel chirografo le preoccupazioni per la sua difesa). Redatta in spagnolo, la sua Relatione generale dello stato presente del Regno di Sicilia, rinvenuta probabilmente fra gli scarti di cancelleria all'avvento del Savoia o consegnata ai nuovi padroni da uno zelante impiegato di segreteria, preoccupato - come tanti siciliani, del resto - di assicurarsi la benevolenza dei vincitori, venne fatta tradurre perché più intelligibile risultasse a coloro che dovevano farne uso; nel fondo archivistico insieme con l'originale si conserva la traduzione italiana, da noi prescelta per questa raccolta.
    Infine, sono ancora forestieri coloro che ci trasmettono informazioni sulla Sicilia dalle carte che il marchese di Trivié mette insieme per il proprio sovrano. Conosciamo il primo scrittore per qualche notizia che dà di sé: è un sacerdote, forse romano, don Francesco Gerboni, stato in Sicilia per tre anni come segretario dapprima del vescovo di Mazara e successivamente del principe di Niscemi, don Giuseppe Valguarnera, maestro razionale e decano del Tribunale del R. Patrimonio; adesso in Piemonte serve il marchese. Altri due scritti di questo gruppo sono adespoti: trattasi di un brevissimo testo in francese sull'Inquisizione siciliana estrapolato da una corrispondenza; assai più interessante l'ultimo scritto per le informazioni che contiene, anch'esso da attribuirsi ad un autore non indigeno (scrive "quel Regno", parlando della Sicilia, anziché "questo Regno"; crede che Palermo sia capitale del Valdinoto; qualche cosa riferisce per sentito dire); eppure questo ignoto corrispondente, forestiero ma, come sembra, almeno per qualche periodo residente in Sicilia - crederemmo un commerciante o un funzionario diplomatico -, ben disposto a dare ulteriori notizie se richiesto, fornisce ragguagli di grande interesse: si veda quel che dice, ad esempio, sulla pletora dei pubblici dipendenti e sul disordine istituzionale e burocratico del tempo in cui scrive. Siamo, è chiaro, ancora in tempo di Spagna, al trapasso dal Viceregno al Regno.

    [1] 2 »

    Voto: 8.00 (1 voto) Vota questo articolo | Segnala ad un amico
    Autore: Admin

    Le ultime sul sito
    Oggi · Ieri · Settimanali O  I  S 

    Non ci sono nuove negli ultimi 7 giorni
    Informazioni Turistiche   dove mangiare   dove dormire
    vai al Gruppo eventi castellalferesi su Facebook  segui Castell'Alfero su Twitter  mantieniti sempre aggiornato sulle notizie di Castell'Alfero, ISCRIVITI ai feed di castellalfero.net!  cerca su Youtube i filmati che riguardano Castell'Alfero
    fai un tour turistico virtuale di Castell'Alfero in 2D o 3D con Google Street View  vedi le foto di Castell'Alfero sulla mappa satellitare di Panoramio  vedi le foto di Castell'Alfero pubblicate su Flikcr  il Comitato Palio di Castell'Alfero che partecipa al Palio di Asti
    visita il sito web Comunale UFFICIALE
    come e dove sposarsi con rito civile a Castell'Alfero
    Castell'Alfero App e Web-app per smartphone

    Cerca nel sito

    Previsioni Meteo

    Si festeggia oggi
    Lunedì 17 febbraio 2020
    S. Marianna - S. Silvino

    Foto del Giorno

    Notizie recenti
     · 6-7.10.2018 La mela dell'AISM
     · 07.10.2018 visite guidate a Castello e Museo
     · Wiki Loves Monuments Italia 2018
     · 28.09.2018 Gara di torte
     · 28.09.2018 validazione Area elisoccorso
     · Guida Tv silvestriana dal 23 al 29 settembre
     · 21.09.2018 La più grande notte delle chitarre
     · Mostra I linguaggi diversi dell'arte
     · Guida Tv silvestriana dal 16 al 22 settembre
     · 16.09.2018 ingresso ufficiale di Don Sganga a Callianet..
     · Guida Tv silvestriana dal 9 al 15 settembre
     · 8-9.09.2018 Callianetto al Festival delle Sagre
     · Calendario scolastico 2018-19 Istituto Comprensivo
     · 04.09.2018 in edicola AVENGERS: INFINITY WAR
     · Guida Tv silvestriana dal 2 all'8 settembre
     · 02.09.2018 Convegno sui Religiosi di Frinco
     · 31.08.2018 LP picture disc AVENGERS: INFINITY WAR
     · 31.08-03.09.2018 Castello in arte
     · 02.09.2018 Palio di Asti
     · 29.08.2018 gli home video di AVENGERS: INFINITY WAR
     · 31.08-04.09.2018 Festa Patronale di Castell'Alfero
     · 31.08.2018 Cena propiziatoria al Palio di Asti
     · Guida Tv silvestriana dal 26/08 al 1°/09
     · 26.08.2018 Festa Chiesa della Stazione
     · 26.08.2018 visite guidate a Castello e Museo
     · 20.08.2018 Gita della Riconoscenza

    Chi è online
     3 visitatori
     0 iscritti

    Sei un Anonimo.
    REGISTRATI ORA!