benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > DA VISITARE > Chiesa romanica Madonna della Neve

scritta 5 agosto 1666 30/4/2006



Scritta incisa nel laterizio nella parte centrale esterna dell’abside della chiesa romanica Madonna della Neve si può leggere questo graffito:

1666 LI 5 AGOSTO SACRATO LA
FESTA DELA B.V.M. ESTEMSO
LA CANPANA NOVA

La interpreto nel seguente modo:

IL 5 AGOSTO 1666 CELEBRATA LA FESTA DELLA BEATA VERGINE MARIA ESPONENDO LA NUOVA CAMPANA

Un'iscrizione importante sia per la storia dell'edificio che della Comunità Castellalferese.

Testimonia infatti che:
· nel 1666 la chiesa sia già stata intitolata alla Madonna della Neve (festeggiata appunto il 5 agosto);
· la chiesa fosse importante per la gente del luogo, che la frequentava sia per funzioni religiose sia per la Festa della chiesa stessa;
· l'edificio sia stato religiosamente importante tanto da "meritare" una nuova campana, oltre che una Festa annuale;
· l'evento era tanto rilevante da meritare di essere celebrato anche incidendolo indelebilmente sulle pareti della sacra chiesa stessa, a futura memoria. Sacra considerando che a quei tempi sicuramente la religiosità nella popolazione era radicata ed importante, con conseguente alto rispetto per gli edifici religiosi.

----------------------------------------------------------------------
 
5 AGOSTO

Ricordo a tutti che ancora oggi, a distanza di 339 anni dalla data incisa, il 5 agosto di ogni anno si continua a celebrare a Castell'Alfero la Festa della Madonna della Neve, chiesa edificata nel XII° secolo.

Vi si svolge una processione-camminata mattutina, un tempo con percorso dal concentrico sino alla chiesa, negli ultimi anni partendo dalla poco lontana Cascina Zolla.

La festa della Madonna della Neve viene sempre celebrata il 5 agosto in tutta Italia, che è disseminata di chiese così intitolate, dalla leggenda la quale racconta che in questo giorno avvenne una nevicata che portò alla costruzione della Basilica di Santa Maria Maggiore di Roma.

Si narra che in una notte d'estate, tra il 4 ed il 5 agosto del 356, al ricco patrizio Giovanni, a sua moglie ed a Papa Liberio apparve in sogno la Madonna che, indicando il Colle Esquilino coperto di neve, domandò che in quel luogo fosse eretta una chiesa a lei dedicata.
Il giorno dopo, fatto eccezionale vista la stagione, una abbondante nevicata aveva ricoperto la città.
Il Papa indicò allora il luogo dove sarebbe sorta una nuova grandiosa basilica, la prima e più importante chiesa romana intitolata alla Vergine, ancora visitabile ai giorni nostri. 



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=134