benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > DA VISITARE > Chiesa romanica Madonna della Neve

Storia della Madonna della Neve 30/4/2006

La chiesa Madonna della Neve nel passato era detta anche di Santa Maria di Viale.
L'edificio sorge infatti nel territorio chiamato anticamente di Viale o di Viallo.

Nel 1156 veniva citata la sua esistenza da papa Adriano IV.
Nel 1169 la stessa cosa faceva papa Alessandro III.
Nel 1288 viene citata come "ecclesia de Viallo".
Nel 1345 viene menzionata come Santa Maria "de Guidorabio".
Nel 1381 il Vescovo di Asti Francesco dei Piacentini la nomina con lo stesso appellativo.
Nel 1398 nel catasto di Castell'Alfero la chiesa "S. Maria de Viallo" compare come riferimento stradale.
Nel 1494 nella chiesa, alquanto isolata data la scomparsa degli abitati di Viallo e di Guadarabio, abitava un eremita.
Nel 1619 dipendeva dal Parroco di S. Pietro di Cassano che qualche volta vi celebrava.
Nel 1663 era bisognosa di riparazioni e mancava di suppellettili e fu invitato don Socino, che era provvisto di questa prebenda, perché provvedesse alle riparazioni e reintegrazioni occorrenti ed egli ottemperò all'invito perché nelle successive visite fu sempre trovata in buono stato.
Nel 1836 monsignor Lobetti la trovò in buono stato ed arredata convenientemente.
Nel 1866 fu incamerata dal governo e poi venduta all'asta pubblica il 23 giugno del 1868.
Rivendicata dai fedeli del paese con pie oblazioni venne più tardi, il 14 agosto 1869, ceduta al comune a condizione che fosse mantenuta al culto.


In occasione del Giubileo del 2000 la chiesa è stata sottoposta ad una serie di interventi di restauro, finanziati dallo Stato e dalle Fondazioni CRAT e CRT.
Sono stati eseguiti interventi di:
· drenaggio del terreno a lato delle pareti perimetrali contro l'umidità
· sottofondazione per il consolidamento dell’abside
· restauro dell'abside utilizzando materiali e architettura originali
· eliminazione dell'intonaco dalla anonima facciata e dal lato sud, con recupero del mattone a vista
· ritocchi e aggiustamenti al campanile cilindrico
· sistemazione delle pareti interne senza rivestimento ligneo.

Altri interventi di restauro interni sono stati avviati sul finire del 2005.



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=137