benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > LAVORO

Contributi per dipendenti di aziende in crisi 15/7/2006

Con delibera della Giunta Regionale del Piemonte del 30 maggio 2006, n° 34-2990 sono stati finanziati interventi monetari integrativi al reddito di dipendenti di aziende in crisi, come prevede la legge regionale 21 aprile 2006, n° 14: "Legge finanziaria regionale per l’anno 2006".
L'articolo 47 comma 1 della predetta legge prevede l’istituzione di un fondo speciale pari ad euro 10.500.000,00 a carico del bilancio per l’esercizio finanziario dell’anno 2006 destinato a favorire, in via sperimentale, anche ai fini di prevenzione, interventi monetari integrativi del reddito e di prestazioni sociali rivolte a quelle persone che a causa dell’interruzione temporanea o definitiva del lavoro svolto alle dipendenze altrui o soggette ai contratti della legge 30/2003, vengono a trovarsi al di sotto della soglia di reddito di 12.000,00 euro ISEE annui.

La Provincia di Asti informa che negli uffici del Centro Provinciale per l’Impiego di Asti, Canelli, Nizza Monferrato e Villanova d'Asti sono in distribuzione i moduli per presentare la domanda per il contributo al reddito dei lavoratori dipendenti sospesi o licenziati da aziende in crisi.
I moduli si possono anche reperire sul sito web www.agenziapiemontelavoro.net.

È possibile inoltre contattare il numero verde 800.125.565 dal lunedì al giovedì dalle 14.00 alle 16.00 ed il venerdì dalle 9.00 alle 12.00.

Possono presentare la domanda per il contributo al reddito i lavoratori dipendenti sospesi o licenziati da aziende in crisi che a causa dell’interruzione temporanea o definitiva del lavoro, si trovano sotto la soglia di reddito di 12.000 euro nel 2005, accertata secondo i canoni ISEE.

È necessario essere residenti o domiciliati in Piemonte, provenienti da aziende con unità produttive regionali, e nel periodo dal primo gennaio 2005 al 31 dicembre 2006 appartenere a una delle seguenti categorie di:

• lavoratori in cassa integrazione guadagni ordinaria o straordinaria, a zero ore per almeno 4 mesi, consecutivi o considerati in un arco di 6 mesi complessivi;

• lavoratori in mobilità, sia indennizzata che non indennizzata;

• lavoratori in disoccupazione ordinaria o speciale per l’edilizia erogata dall’INPS;

• lavoratori a tempo indeterminato, licenziati, con un’anzianità di servizio presso la stessa azienda di almeno 4 mesi complessivi nel periodo dall’ 1/1/2005 al 31/12/2006;

• lavoratori a tempo indeterminato, sospesi dal lavoro in aziende del settore artigiano, del commercio o dei servizi, con sospensione di almeno 4 mesi consecutivi o considerati in un arco di 6 mesi complessivi;

• lavoratori a tempo determinato con contratto risolto almeno 4 mesi prima della scadenza del termine, da aziende assoggettate a procedura concorsuale, o che abbiano cessato l’attività;

• contrattisti a progetto con contratto intercorrente con un unico committente e della durata minima di 12 mesi, sospeso senza erogazione del corrispettivo per almeno 4 mesi consecutivi o considerati nell’arco di 6 mesi complessivi o risolto dal datore di lavoro prima della scadenza concordata tra le parti per assoggettamento dell’azienda a procedura concorsuale o per cessazione dell’attività.

Il contributo è di 3.000,00 euro per i lavoratori con valore ISEE fino a 8.000,00 euro, e di 2.500,00 euro con valore ISEE compreso nella fascia tra gli 8.000,01 e i 12.000,00 euro.



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=195