benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > SPORT

Regolamento 2006 di Tamburello a Muro 14/8/2006

XXXI° TORNEO DEL MONFERRATO - edizione 2006 - TAMBURELLO A MURO

REGOLAMENTO:

ART./1
Il torneo di serie A si articola in 2 fasi.
Qualificazione: un girone all'italiana con partite di andata e ritorno.
Inizio il 16/4, si giocherà suddivisi tra Pasqua e Pasquetta obbligatoriamente, termine il 18/6/06, semifinali dal 24/6 così composte: abbinamenti: girone 1 2° - 6° sab., 6° - 3° dom., 3° - 2° sab., 6° - 2° dom., 3° - 6° sab., 2° - 3° dom.; girone 2 1° - 5° dom., 5° - 4° sab., 4° - 1° dom., 5° - 1° sab., 4° - 5° dom., 1° - 4° sab.; al termine delle semifinali si qualificano alla finalissima le prime di ciascun girone, per determinare questa posizione se vi è parità in classifica per lo spareggio si effettua sui seguenti campi: girone 1 Montemagno, girone 2 Portacomaro.

ART./2
Le partite si svolgono ai 19 giochi compresa la finale per la serie A e B maschile (in caso di parità negli scontri ad eliminazione diretta si disputeranno due trampolini, in caso di ulteriore parità contano i 15 dei due trampolini, se persiste si contano i 15 di tutta la partita se persiste si rifà la partita). Ai 16 giochi per tutte le altre categorie, più la Coppa del Monferrato se si disputa in notturna. Non sono quindi contemplate diverse attribuzioni di punteggio se non 2 punti per chi vince ed 1 per chi pareggia, 0 per il perdente con qualunque punteggio.

ART./3
Le partite rinviate per maltempo o per causa di forza maggiore devono essere recuperate entro la settimana successiva la squadra di casa dovrà dare comunicazione alla Commissione del Muro della data concordata nei limiti di tempo stabiliti. In caso di motivata indisponibilità, la Commissione, sentite le motivazioni delle due società, può derogare ai limiti di tempo fissando lui stesso la data di recupero, o rinviando al Giudice Sportivo. La squadra che non si presenta in campo nei limiti di tempo di trenta minuti di ritardo perde la partita per 19 a zero.(Tale articolo vale quando non ci sono turni infrasettimanali, in questo caso si slitta alla prima settimana utile.)

ART./4
Nel caso in cui due squadre siano a pari punti al termine del girone eliminatorio, si considerano gli scontri diretti. Precede chi ha ottenuto il maggior numero di giochi in tali scontri.
Se le squadre in parità sono tre o più di tre, si considerano gli scontri diretti tra le squadre in parità e si stila un'apposita classifica.
In caso di ulteriore parità si considerano le differenze giochi negli scontri diretti e, in seconda istanza in caso di ulteriore parità, le differenze giochi di tutto il torneo.

ART./5
Partita nelle semifinali:
Gli spareggi si effettuano di mercoledì (altro giorno solo per evitare la contemporaneità, che sarà il martedì per chi dovesse giocare al sabato e il mercoledì per chi dovesse giocare la domenica).

ART./6
La società che ha nella rosa più  giocatori classificati, non potrà schierarne più di quelli previsti dal regolamento in ogni partita. (Quindi nel limite dei 9 punti)

ART./7
Le semifinali dei 2 gironi di serie A è obbligatorio giocarle una di sabato e l'altra alla domenica.

ART./8
La finale della Coppa del Monferrato si disputerà a Tonco il 1 giugno in notturna. Le qualificazioni si disputeranno su 2 gironi da 3 squadre in notturna sui campi di Tonco il martedì (9, 16 e 23 maggio) e Vignale il giovedì (11, 18 e 25 maggio), le squadre dei 2 gironi saranno sorteggiate, a parte le 2 di casa, le 2 vincenti dei 2 gironi disputeranno la finalissima. Partecipano le 6 squadre di serie A. Come nell’ultima stagione vi sarà la facoltà della battuta a Muro.

ART./9
Finale serie A  a Vignale il 6/08 ore 16,30
Finale serie B  a  Vignale il  28/07 ore 21,30
Finale serie C 1 a  Tonco il  21/07 ore 21,30
Finale serie C 2 a Montechiaro il 22/07 ore 21,30
Finale serie D  a Portacomaro il 19/07 ore 21,30
Finale femm. serie A a Vignale il 30/07 ore 21,30
Finale femm. Serie B a Tonco il 23/07 ore 21,30
Finale femm. serie C a Portacomaro il 26/07 ore 21,30 
Per le finali la società che gestisce il campo che ospita la finale deve provvedere a raccattapalle, segnapunti e speaker, il microfono è obbligatorio in ogni finale, oltre che predisporre il campo in maniera adeguata.

ART./10
Il giorno 25/04/2005 a Tonco si disputerà la Supercoppa tra la vincitrice del Campionato e della Coppa dell'anno precedente, quindi Castell’Alfero e Tonco, in mancanza dei rispettivi vincitori saranno impegnati i finalisti, in ultima istanza le due squadre ritenute più competitive nella stagione in corso.

ART./11
Elenco giocatori definitivo da fornire entro il 30/04 per serie B e 30/5 per serie C e D, primo elenco entro il 30/03, più sponsor e richieste per fare il calendario all’11 marzo giorno della presentazione dei campionati, solo per provato infortunio si potrà derogare dalla data del 30/4. La serie A invece varrà la regola del punteggio, quindi possono sempre tesserare giocatori liberi da vincolo o trasferibili nei termini federali, nel limite chiaramente dei punteggi consentiti.

ART./12
I campi dei campionati a Muro vanno tracciati con la battuta solo da un lato, al centro di quel lato corto si tracciano 2 linee distanti non più di 5 metri, entro esse bisognerà effettuare la battuta, per l’intero trampolino quindi una squadra sarà in battuta e l’altra in rimessa, poi s’invertiranno ovviamente le parti. Da quest’anno i campi con misure non standard in base alla categoria, dovranno fornire entro marzo le misure esatte della tracciatura del loro campo, che daremo agli arbitri per eventuali controversie, per la stagione sportiva in corso chiaramente non potranno più variare, pena la perdita dell’incontro a tavolino; per aiutare i controlli si prega di fare un segno sul muro per prolungare le linee corte del campo, se vi sono linee più vecchie sul muro, non pertinenti vanno cancellate.

ART./13
Si delega la risoluzione delle contestazioni di tipo regolamentare alla Commissione del Muro, da farsi nelle 48 ore in forma scritta, solo in mancanza di accordo di maggioranza la Commissione passerà la pratica al giudice sportivo con relativo versamento di tassa da parte della società richiedente.

ART./14
Valgono le norme generali FIPT per quanto non contemplato nel presente regolamento.

ART./15
Le iscrizioni alla serie A vengono accettate per promozione, la prima della serie B dovrà disputare la serie A nell’anno successivo, pena l’arretramento di 1 categoria, quindi giocare in C, così pure dalla serie C alla B. Per il 2007 viene salvaguardato il diritto alla A per Portacomaro e Montemagno, così pure come non ci saranno retrocessioni dalla A alla B.

ART./16
La società, che disponesse di una squadra in ciascuna categoria, potrà usufruire dei giocatori della serie B in A per non più di tre partite, mai all'inverso.(Tenendo nel 2006 l'eccezione concessa per Antonini Andrea del Rocca, o dei giovani Under 25 – nati 1981 e seg.).

ART./17
La serie B svolgerà i play - off tra tutte e 12 le partecipanti. Spareggi in notturna su campo neutro. Le migliori classificate dei 2 gironi, incontreranno le ultime del girone opposto, e così via, 2°-5°, 3°-4°, s'incontreranno con partite di andata  e ritorno ed eventuale bella su neutro scelto dalla miglior classificata, con tabellone tipo tennis,  negli ottavi di finale, dopodiché le 6 vincenti accederanno ai quarti, alle quali verranno aggiunte le 2 miglior classificate della prima fase tra le eliminate, per detto conteggio si farà la media punti ed eventualmente la media differenza giochi; per gli spareggi il campo deve essere dato preparato e chiuso al traffico gratuitamente, salvo pagare l’illuminazione, con segnaletica in funzione, raccattapalle, segnapunti e acqua a carico delle 2 società.

ART./18
Nella serie B maschile gli arbitri potranno essere non federali fino alle semifinali, ogni squadra dovrà avere il proprio segnalinee, in caso contrario la decisione dei giocatori avversari è vincolante. In tutte le altre categorie invece l’arbitro federale è richiesto solo per la finalissima.

ART./19
Nel caso dei campi dov'è possibile l'illuminazione si potrà giocare in notturna,  con l'apposita pallina per la notte (g.90 d.66) sia in A che in B maschile; chiaramente per le altre categorie con la stessa palla della diurna; le altre palline mm 61 si potranno usufruire solo con il consenso delle due squadre.

ART./20
L'incasso delle finali sarà suddiviso, al netto delle spese (arbitri, SIAE) nel seguente modo: 45% a ciascuna società, 10% al Comitato del Tamburello a Muro.

ART./21
L'incasso della Coppa e Supercoppa sarà suddiviso 40% a ciascuna società, 20% al Comitato, il tutto dopo aver dedotto le spese.

ART./22
Gli abbinamenti dei giocatori concessi per la serie A, B, C e D rispecchiano quello delle classifiche stilate.

ART./23
Nel caso di giocatori particolarmente competitivi a libero, non inseriti nelle classifiche si valuteranno sul momento che una squadra li inserisca nella rosa.

ART./ 24
I campi neutri per gli spareggi di serie B sono stabiliti dalla squadra meglio classificata.

ART./ 25
Le squadre, al di fuori della serie A maschile, devono mettere l'arbitro in casa propria.

ART./ 26
Le riserve possono fare i segnalinee in tutte le serie a parte la A maschile.

ART./ 27
Nel Campionato a Muro femminile serie A e B, la pallina per il 2006 con cui giocare è la Palloncina esordienti, con campo di misura m. 56, ma al centro di una linea corta, si potrà tracciare una linea larga m. 5 e m. 2 nel campo per effettuare la battuta; ogni società potrà per detto campionato prendere in prestito fino a 1 giocatrice da altra società purché Under 21 (nata 1985), con regolare Nulla Osta. Si organizzeranno 2 gironi denominati Interserie A/B, dopo la fase di andata e ritorno di ciascun girone, si procederà per le prime 2 di ogni girone a disputare le semifinali di serie A, mentre per la 3° e 4° di ogni girone si disputeranno le semifinali di serie B, con andata e ritorno, a parte la finalissima che sarà secca.

ART./ 28
Per le norme non scritte per la serie B, C e D e femm. valgono quelle della serie A masch.

ART./ 29
Entro la prima settimana di dicembre (6 dicembre) occorre essere iscritti per la serie A maschile.

ART./ 30
Iscrizioni della serie B da effettuare entro il 31 dicembre, per la serie C  e D e femminile entro il 15 febbraio, chi arrivasse oltre tale data verrà accettato dal Comitato solo se non altererà il calendario, ad esempio nei gironi dispari.

ART./ 31
La serie C maschile, si gioca con palloncina, il n° dei giocatori è da dichiarare prima del campionato su ogni campo con un massimo di 5, se non si dice nulla s’intende 5; campi lunghezza m. 64, potranno avere o non avere muro di appoggio, senza muro larghezza m. 20.
- iscrizione alla Federazione, e relativa copertura assicurativa e tutela societaria.
- non possono giocare in C battitore, spalla e mezzo volo di D a libero, così pure per la serie B del Muro,
- Si possono prendere in prestito da altre società fino a 2 giocatori, con regolare Nulla Osta.
- In campo può esserci solo 1 giocatore titolare come terzino di D a Libero o B a Muro, senza possibilità di sostituzione durante la stessa partita con altro di pari grado.
- Partite ai 16 giochi, senza vantaggi sul 40 pari.
- Per le altre norme non precisate nel presente articolo valgono quelle del  regolamento del Muro.
- Dopo la prima fase con i 4 gironi la categoria sarà suddivisa il C1 e C2 e si disputeranno i play off per ciascun campionato con 1 vincitore per ciascuna, accederanno alla C1 le prime 4 del girone ovadese e le prime 2 degli altri 3 gironi, le rimanenti disputeranno i play off di C2; gli abbinamenti si disputeranno in entrambe le serie facendo un tabellone unico con media punti ed eventualmente con media pari, si guarda la media della differenza giochi ed abbinamenti tra la prima e l’ultima e cosi via, nel caso di squadre dispari, se occorre la migliore passa al turno successivo.

ART./ 32
Per le squadre di tutte le categorie: chi vince deve telefonare, od inviare un SMS, con il risultato al 3358246621 per serie A e B maschile, 3808432703 per serie C maschile, 3281532391 per serie D maschile, 3493826900 per tutto il femminile, entro le ore 20 del giorno che si è giocato. (Per le notturne il mattino seguente.) Nel caso di pareggio deve telefonare chi gioca in casa.

ART./ 33
Dal 2003 si istituisce il 1° Campionato del Monferrato nella specialità T. a Muro 2 c. 2, ogni società di serie A è impegnata a presentare in campo almeno 1 coppia, pena 1 punto di penalità in classifica, nel campionato, nel caso di assenza; iscrizione 20 Euro a coppia, la manifestazione sarà suddivisa tra serie A e B, per partecipare alla serie B occorrerà essere classificati con 1 punto ed essere abbinati ad un Non Classificato. (Partite ai 7 giochi - cambio campo ogni due giochi). Per altre norme non precisate valgono quelle del Muro e generali FIPT.

ART./ 34
Campionati giovanili per le categoria Under 8 (1998 e seg.), Under 10 (1996 e seg.) Under 12 (1994 e seg.) Under 14 (1992 e seg.) Under 16 (1990 e seg.), Under 18 (1988 e seg.). Siccome si possono presentare squadre miste, o solo femminili, le ragazze potranno partecipare regolarmente ad una categoria con 2 anni in più di anzianità. I giocatori di questi Tornei non debbono obbligatoriamente essere tesserati per la squadra in cui giocano ed inoltre cambiando categoria di età possono anche giocare per un'altra squadra.  Per le altre norme fare riferimento ai regolamenti singoli dei giovani del Torneo a Muro.

ART./35
Il campionato di serie D, si gioca con pallina da tennis depressurizzata, campi massimo 40 m. minimo 35, larghezza massima m. 16 se campi a libero. Si possono prendere prestiti, con regolare nulla osta senza limite di numero giocatori se under 18 (1988), purché non titolari in serie superiori, altrimenti 2 se di altra età, ma in ogni caso se titolari in altre squadre potranno giocare solo i terzini della serie C a Muro e D Libero, non più di uno per volta, per gli adulti nella rosa questi non dovranno aver giocato in campionati  superiori, titolari nei 3 ruoli “dietro”, da almeno 3 anni, escluso il presente, per le altre norme valgono quelle della serie C a muro. Il Sala per il 2006 potrà con la formazione 1 attingere dalla 2 e non viceversa.

ART./ 36
Dal 2006 si istituisce un campionato di serie C femminile, in cui si gioca con la pallina da tennis depressurizzata, campi da m. 32 minimo e 34 massimo, senza alcun prestito dalle altre categorie femminili, se non che le riserve di una stessa società potranno giocare in B senza limiti di partite, le giocatrici titolari nei 3 ruoli principali nei campionati di A del Muro e in ogni ruolo di A del Libero nel 2004 non potranno mai giocare in C, lo schema del campionato porterà alla disputa delle semifinali con andata e ritorno tra le prime 4 e poi della finalissima secca, i campi possono essere sia con muro che senza.

ART./37
Il giocatore segnato in serie A non può essere manifestamente più debole di quello segnato nella categoria sottostante e così di seguito nelle categorie al di sotto, dopodiché per la serie C e D maschile e C femminile i giocatori della categoria sottostante potranno accedere senza limite in quella sopra, sempre che il giocatore più forte sia titolare nella categoria maggiore nei ruoli principali, nel caso di discordanze la Commissione del Tamburello a Muro fungerà da arbitro in merito. Le società che dispongono anche di una serie D del Libero potranno scambiare i giocatori con la B del Muro nei 2 sensi, invece per chi disponesse della serie C del Libero potranno attingere le squadre di A del Muro, ovviamente all’interno della stessa società, fatto salvo che la C del Libero non potrà attingere dalla A del Muro. Inoltre i giovani Under 25 (nati 1981) tesserati per società del Libero che disputano campionati di C o D, a Libero, potranno, con Nulla osta, giocare in squadre di serie A o B del Muro, nel numero di 1 per squadra. 

ART./38
Le palline nuove da mettere a disposizione dalla squadra ospitante sono:
12 per la serie A masch.
6 per la serie B masch.
4 per la serie C masch. e A e B femm.
Libero per la serie D masch. e C femm.



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=223