benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > LAVORO > Cassa Integrazione

CIG: elementi integrabili della retribuzione 8/9/2006

Con il messaggio n° 11110 del 07.04.2006 l'INPS ha chiarito alcuni aspetti sugli elementi integrabili della retribuzione (Premio di Risultato, Straordinari, indennità varie), utili per la determinzione della base di calcolo delle integrazioni salariali in caso di Cassa Integrazione Guadagni.

Per retribuzione si intende tutto ciò che il datore di lavoro corrisponde al lavoratore in denaro o in natura ed al lordo da ritenute come corrispettivo della attività prestata in dipendenza del rapporto di lavoro (circ. n. 60724 GS del 7.11.67).

Gli elementi essenziali della retribuzione sono:
1. paga base per gli operai/stipendio base per gli impiegati ed i quadri
2. indennità di contingenza
3. aumenti periodici di anzianità, che continuano a maturare durante il periodo di CIG
4. aumenti contrattuali.

Gli elementi accessori della retribuzione sono:
1. maggiorazione per turno
2. indennità di trasferta
3. indennità di mensa (circ. n. 15 del 18.1.94)
4. indennità di cassa
5. indennità di trasporto (circ n. 15 del 18.1.94).

In linea di massima le voci retributive integrabili sono quelle sulle quali devono essere commisurati i contributi previdenziali a condizione che:
a) abbiano carattere di continuità ed obbligatorietà
b) siano riferiti ad orario di lavoro contrattualmente stabilito nel limite massimo di 40 ore settimanali.

Fra tutte le possibili indennità configurate dalla legge dai contratti collettivi in ogni caso astrattamente ipotizzabili può essere operata una suddivisione tra indennità che non sono collegate alla concreta prestazione di lavoro rappresentando delle parti fisse mensili della retribuzione globale (es. compensi forfettari per lavori disagevoli, per mansioni particolari etc.) ed indennità variabili conseguenti esclusivamente alla materiale e non astrattamente prevedibile prestazione di lavoro (es. tipico indennità di trasferta).

Sono quindi integrabili solo le voci ed indennità che costituiscono parte fissa della retribuzione globale con esclusione di quelle non collegate alla effettiva prestazione di lavoro.

Ovviamente sono da escludersi dal computo delle voci della retribuzione sulla quale calcolare le integrazioni salariali, i compensi non collegati alla prestazione ordinaria per lavoro ordinario vale a dire quelli erogati in relazione a prestazioni lavorative effettuate, pur se in via ricorrente, oltre l’orario ordinario contrattualmente previsto con il limite massimo di 40 ore settimanali.



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=232