benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > PERSONAGGI > Gianduja

Giacometta 2008: Irene Mesturino 27/1/2008

Giacometta 2008 è Irene Mesturino, figlia di Germana Erba e Gian Mesturino, nominata eccezionalmente per il secondo anno consecutivo ad interpretare il personaggio.
Giacometta compagna di Gianduja rappresenta la saggezza delle donne piemontesi, il suo buonsenso le permette di risolvere anche i problemi più difficili, è pronta ad aiutare i poveri e a reagire contro i prepopenti.
Per merito della “Famija Turineisa” si continua a tenere viva la tradizione piemontese, con la periodica nomina di un Gianduja e di una Giacometta che siano testimonial in varie manifestazioni culturali.
E nella scelta della Giacometta, la Famija Turineisa non dimentica questo “modo di essere piemontese”,
caratteristica che si ritrova ben delineata in Irene Mesturino.

Torinese con una formazione tutta dedicata al teatro, cresciuta professionalmente a fianco di personaggi come Germana Erba, Piero Nuti, Adriana Innocenti, Gian Mesturino, Ugo Gregoretti e molti altri.
Giornalista collabora con le testate Corriere dell’arte, Viva la Danza e Viva il teatro.
Autrice e traduttrice teatrale. Alcune sue traduzioni: Trappola per topi, Arsenico e vecchi merletti.
Per i testi: Groviglio, Parlo italiano, Ti parlo di cinema.
Attrice in radio fin da bambina, in teatro (scritturata da Torino Spettacoli dal 1992) e in manifestazioni di spettacolo (Natale Bimbi presso il Lingotto di Torino e Torino Effetto Punto per la Fiat 1989-1992).
Docente di Comunicazione visiva presso il Liceo Coreutico e Teatrale e nell’ambito dei Corsi di Formazione Professionale del Teatro Nuovo.
Insegnante di propedeutica alla danza e introduzione allo spettacolo ai bambini delle Scuole Materne ed Elementari, in iniziative coordinate dal Comune di Torino.
Attualmente responsabile del settore comunicazione ed immagine del Gruppo “Torino Spettacoli”, Teatro Stabile Privato di Pubblico Interesse che gestisce i Teatri Erba, Gioiello e Alfieri di Torino.
Tanti interessi, dalla danza classica alla contemporanea, lo sci, il tennis, il nuoto e per non essere da meno del suo Gianduja, il vino.
Ha infatti seguito i corsi di degustazione presso l’Enoteca Patrito di Cherasco.


 


---------------------------------------------------------------------
testi e fotografia tratti da foglio della Famija Turineisa


Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=417