benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > PERSONAGGI > Enrico Iviglia

Buon Compleanno Rossini 25/2/2008
venerdì 29 Febbraio 2008 alle ore 21.00 si svolgerà ad Asti, presso la Chiesa Parrocchiale Sacro Cuore, in Via Mattarella 2 (quartiere Corso Alba ) il concerto BUON COMPLEANNO ROSSINI (nato il 29 febbraio 1792 a Pesaro) a cui partecipa il tenore castellalferese Enrico Iviglia.

Si eseguiranno musiche e liriche tratte dalle opere più famose di Gioachino Rossini interpretate da:
FEDERICA CARNEVALE - Mezzo soprano
ENRICO IVIGLIA - Tenore
SEBASTIAN SORARRAIN - Baritono
ANDREA CAMPORA - Pianoforte

L’ingresso al concerto è libero.

Programma
--------------------------------------------------------

L'Italiana in Algeri
“Ho un gran peso sulla testa”
(Aria Taddeo)

La Cenerentola
“Tutto è deserto. Un soave non so che”
(Duetto Cenerentola - Ramiro)

“E allor se non ti spiaccio…
... Sì, ritrovarla io giuro”
(Recitativo ed Aria Ramiro)

Il Barbiere di Siviglia
“Largo al factotum della città!”
(Aria Figaro)

“Una voce poco fa”
(Aria Rosina)

“All´idea di quel metallo”
(Duetto Conte - Figaro)

L'Italiana in Algeri
“Ai capricci della sorte”
(Duetto Isabella - Taddeo)

Otello
“Che ascolto! Ahimè! Che dici!”
(Aria Rodrigo)

La Cenerentola
“Nacqui all'affanno, e al pianto”
(Aria Cenerentola)

Il Barbiere di Siviglia
“Ah! qual colpo”
(Terzetto Rosina - Conte - Figaro)

____________________________________

Gioachino Rossini compirebbe 216 anni. Impossibile averli, ma è tangibile che da oltre 190 anni la sua musica è acclamata in tutti i teatri del mondo. Il padre Giuseppe suonava la tromba e il corno alle dipendenze del comune di Pesaro; la madre Anna Guidarini cantava come soprano nelle compagnie di giro. Iniziò a studiare a Lugo di Romagna, poi si trasferì a Bologna dove, nel 1806 entrò al Liceo musicale studiando violoncello, pianoforte, contrappunto e contemporaneamente iniziò a suonare in Chiesa, nei Teatri e a comporre. Difatti a soli 18 anni al Teatro St. Moisè di Venezia debutta con la farsa “La cambiale di Matrimonio”; il successo ottenuto gli valse presto la commissione d’altre opere serie e buffe. Dotato di facilità eccezionale e di sbalorditiva rapidità, tra il 1810 e il 1814 mandò in scena in varie città ben 14 opere. Nel 1815 conobbe il maggior impresario di allora, Domenico Barbaja che gli commissionò opere per i teatri napoletani, fiorentini ma anche romani e milanesi. Sposò la cantante Isabelle Colbran, prediletta interprete dei suoi scritti e fino al 1823 compose altre 19 opere tra serie e buffe.
La capitale europea dell’opera era, nella prima metà del secolo, Parigi, e scrivere per i teatri parigini era la massima aspirazione dei musicisti del tempo. Dopo numerosi viaggi (Vienna, Londra) si stabilì a Parigi, avendo accettato la direzione del Théatre Italien. “Guglielmo Tell” segnò, dopo 19 anni di intensa attività produttiva, il suo congedo come operista. Nei seguenti anni continuò a scrivere, ma non più opere: composizioni sacre, arie da camera, pezzi per pianoforte. Dal 1855 si stabilì definitivamente a Passy alle porte di Parigi dove morì nel 1868. Lasciò il suo ingente patrimonio al comune di Pesaro “per fondare e dotare la città di un liceo musicale”. A lui è dedicato un festival estivo che ogni anni invita artisti d’altissimo livello e richiama appassionati da ogni parte del mondo. Lo ricordiamo soprattutto per: “Il barbiere di Siviglia”, “Semiramide”, “Cenerentola”, “Italiana in Algeri”, “La gazza ladra”, “Otello”, tanto per citarne alcuni titoli; questi e tanti altri si potranno ascoltare venerdì 29 febbraio al concerto “Buon Compleanno Rossini”.

Una tale data, una facile orecchiabilità delle sue musiche e giovani interpreti, giocano a favore della Parrocchia del Sacro Cuore (quartiere Corso Alba d’Asti) che, in collaborazione con la Cassa di Risparmio di Asti, organizza il concerto dal titolo: “Buon Compleanno Rossini”. Gli interpreti saranno: Enrico Iviglia, giovane tenore astigiano, che calca da anni proprio il palcoscenico del Rossini Opera Festival a Pesaro; il mezzo soprano Federica Carnevale dell’Aquila che ha al suo attivo numerosi debutti tra i quali spicca “Rosina” dal Barbiere di Siviglia e Cenerentola nel ruolo del titolo; il baritono Sebastián Sorarrain, argentino, che prossimamente canterà "Midsummer night's dream” di Britten all'Opera di Nizza (Francia) ed è al suo debutto in Italia. Accompagnati al pianoforte dal maestro Andrea Campora.
Attraverso la voce di giovani talentuosi, Asti si fa così promotrice della musica alta omaggiando uno dei più importanti compositori di tutti i tempi.

----------------------------------------------------------

in allegato la locandina del concerto



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=429