benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > VARIE > Libri

libri: UNA TRAGEDIA NEGATA di Demetrio Paolin 16/3/2008

A gennaio 2008 è uscito in libreria il volume UNA TRAGEDIA NEGATA del castellalferese Demetrio Paolin, un saggio edito dalla casa editrice sarda Il maestrale.

Uscito in formato pdf sul web già nel 2006 pubblicato da Vibrisse (www.vibrisselibri.net) il libro è stato poi stampato nel 2008, anche se sul sito di Vibrisse continuano le implementazioni al testo iniziale con “materiali aggiuntivi” immessi da Paolin grazie ad interviste e riflessioni con altri autori (www.vibrisselibri.net/?cat=14).

Una tragedia negata è una minuziosa e lucida analisi della narrativa italiana ispirata agli anni di piombo. Due gli aspetti nodali individuati che legano i numerosi testi presi in esame: l’assenza della figura del nemico e la conseguente negazione della cifra tragica nei sanguinosi eventi che caratterizzano il periodo in questione. In tutti i libri analizzati la scelta della lotta armata viene declinata all’interno di un ambito familiare, quasi a voler “disinnescare” la violenza contenuta in quei fatti di sangue. Lo sguardo gettato sull’esperienza terrorista da questi romanzi è sempre sghembo, indiretto, come a rendere più “accettabile” la realtà in cui i terroristi sono immersi, cancellandone ogni valenza tragica.
L’autore non trascura di prendere in considerazione la funzione mimetica di alcuni tra i film più significativi sul terrorismo (fra cui Buongiorno notte, La meglio gioventù) e la deflagrante potenza espressiva di Sciascia e Pasolini che, proprio perché non nega la tragedia, fa da contraltare all’“autocensura” presente nelle opere esaminate.
Una tragedia negata è lettura indispensabile per chi voglia affrontare un’analisi completa del terrorismo rosso e nero così come viene raccontato nella gran parte dei romanzi italiani.
L’appendice a fine testo riporta una serie di interviste agli autori i cui romanzi sono stati analizzati in questo illuminante saggio.

Per leggere la versione PDF del libro:
www.castellalfero.net/public/x/modules/mydownloads/singlefile.php?lid=43

 

Il volume, in vendita a 15,00 euro, è già stato recensito da varie testate giornalistiche:

16 gennaio 2008 su Il Mattino di Padova
con l’articolo “Dal web alla carta, Vibrisse battezza Una tragedia negata” di Nicolò Menniti-Ippolito

7 febbraio 2008 su Il Corriere del Mezzogiorno
con l’articolo “De Luca e la «rettitudine» del carceriere di Moro” di Sergio Lambiase

8 marzo 2008 su La stampa – inserto Tuttolibri
con l’articolo “Lo sguardo di Moro più forte delle BR” di Giorgio Boatti

14 marzo 2008 dall’emittente RAI Radio3
nella trasmissione Fahrenheit con la puntata "Quello che resta del 16 marzo 1978", sui tragici giorni del sequestro di Aldo Moro, con la presenza in studio dell’autore.

Demetrio sta attualmente presentando il libro in varie località italiane; per essere aggiornati leggete il blog di Paolin:
http://disturbopostraumaticoamaro.blog.tiscali.it/

Qui sotto, tratto da Youtube, il book trailer di Una tragedia negata; il filmato dura 1 minuti e 59 secondi.

Il video, il cui scaricamento completo richiede un po’ di pazienza (circa 4.766 KByte) è tratto dal sito youtube.com 





NOTIZIE TECNICHE SUL VIDEO
Per iniziare a scaricare il filmato cliccare sul pulsante di riproduzione, al centro dell’immagine.
Il filmato è in formato Flash (.swf)
Nella parte inferiore potete trovare rispettivamente da sinistra a destra:
- il tasto di riproduzione o pausa. Vi consiglio di mettere in pausa mentre si carica tutto il filmato, per non vederlo/sentirlo a singhiozzo.
- la barra di scorrimento del filmato. Lo sfondo del cursore diventa progressivamente di colore rosso man mano che il video viene scaricato dal web; quando sarà completamente rosso significa che lo scaricamento è stato ultimato e potrete eventualmente spostavi nel punto desiderato del filmato.
- tempo di riproduzione
- volume di riproduzione del sonoro del filmato
- share: possibilità di inviare un commento al filmato sul sito youtube.com
Al termine della riproduzione sarà possibile rivedere dall’inizio il filmato (Watch again) oppure inviare un commento (share)
Cliccando in qualunque momento sul filmato si raggiunge il sito youtube.com.



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=437