benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > TURISMO

Sulle orme di Gianduja 2008 3/7/2008

Alla sua 11^ edizione la rassegna teatrale castellalferese “Sulle orme di Gianduia” ha cambiato d’abito o meglio si è rivestita di alcune novità.
Si tratta infatti dell’edizione del Bicentenario della nascita di Gianduja, maschera simbolo della Regione Piemonte nata nel 1808 a Callianetto, frazione di Castell’Alfero, ricorrenza che l’Amministrazione Comunale in collaborazione con le Pro Loco e le Associazioni locali ha programmato di celebrare tramite una serie di eventi che si articoleranno in tutto l’anno 2008.

La tradizionale rassegna estiva di teatro dialettale piemontese all’aperto rientra dunque nell’ambito delle celebrazioni di questa importante ricorrenza e si svolgerà in due week end consecutivi di inizio luglio: 4 - 5 - 6 ed 11 - 12 luglio 2008.

Le novità sono rappresentate dalle due serate teatrali aggiuntive, che portano a cinque gli spettacoli di piazza Castello anziché i tradizionali tre, e dal Concorso a premi di barzellette in dialetto piemontese dal titolo “Sulle orme della risata” rivolto ai rioni del Palio di Asti.
Le serate dedicate al concorso saranno quelle di venerdì 4 e sabato 5 luglio dalle ore 20.30 alle 21.30 prima dell’inizio dello spettacolo teatrale già posto in cartellone. Ogni rione assegnerà ad un proprio candidato il compito di salire sul palco e raccontare la propria barzelletta in dialetto piemontese. Le barzellette saranno giudicate sia tramite la votazione del pubblico che da una  apposita Giuria nominata dalla Pro Loco e dal Comitato Palio; nella serata di domenica 6 luglio saranno decretati i vincitori, che riceveranno premi in denaro.
Altra novità da segnalare è l’emissione dello speciale annullo filatelico delle Poste Italiane per il Bicentenario 1808-2008 della nascita di Gianduja, apposto su cartoline celebrative, fissata per la serata di sabato 12 luglio dalle ore 19.30. Per l’occasione sarà presente Gianduja della Famija Turineisa, al secolo Giovanni Mussotto il quale poi calcherà il palcoscenico di piazza Castello nella commedia Tut per mariè Ofelia.

A dare completezza ed un senso conviviale alla rassegna, a partire dalle ore 19.30 e per tutta la durata della manifestazione, la Pro loco di Castell’Alfero propone con la “Tovaglia a quadri” specialità gastronomiche locali e vini monferrini da gustare. 

Ma la vera “punta di diamante” della manifestazione rimane il teatro. Lo stesso teatro che per dieci anni ha fatto divertire un pubblico sempre attento e presente, offrendo momenti di intrattenimento e di vero spettacolo. Molte sono state le compagnie provenienti da un po’ tutto il Piemonte che si sono alternate negli anni sul palco all’aperto nella splendida cornice di Piazza Castello.
Questo il calendario con il programma degli spettacoli teatrali che avranno inizio a partire dalle ore 21.30 e che sono tutti ad ingresso gratuito.


VENERDI’ 4 LUGLIO
Compagnia Teatrale Fubinese di Fubine (AL).
La compagnia nasce a Fubine (AL) nel 1981. Gli attori da sempre portano in scena testi dialettali autoprodotti, commedie brillanti e musical di autori vari. Non manca nel curriculum della compagnia anche manifestazioni a sfondo benefico.

La Compagnia presenta: “Ant la stala ‘d Margarot
La stalla di Margarot esisteva davvero, ed era frequentata da personaggi curiosi. L’idea è quella di ricreare il clima di allora, con i sapori di un tempo…  un susseguirsi di gag e di racconti divertenti, che non vogliono essere nostalgici, ma un modo di farci capire come eravamo e come siamo cambiati.


SABATO 5 LUGLIO
Compagnia teatrale Filodrammatica Sancarlese di San Carlo Canavese (TO).
La Compagnia nasce a San Carlo Canavese (TO) nel 1982, dopo un’ attività caratterizzata dalla rappresentazione di testi in lingua italiana, successivamente la compagnia ha deciso di focalizzare l’attenzione su copioni teatrali della tradizione popolare piemontese. Nel dicembre 2007 la filodrammatica ha festeggiato il 25° anno della fondazione.

La Compagnia presenta: “La cassa a la volp...”
Non è proprio una vera battuta di caccia alla volpe, come quelle descritte in alcune memorabili pagine della letteratura inglese, ma è la diverte ed esilarante storia di una preda d’eccezione: l’Astuto Gustin.


DOMENICA 6 LUGLIO
Compagnia teatrale Volti Anonimi di Torino
Il gruppo muove i suoi primi passi negli anni ’70, grande è la passione per l’attività teatrale e soprattutto per la tradizione del teatro piemontese di Macario, rappresentando così per altro tutte le commedie più belle del repertorio del grande attore, le stesse sono state messe in scena in molti teatri del Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto e Toscana.

La Compagnia presenta: “Genesio Battaglino professore di violino
La storia è ambientata nella pensione Bohème dove alloggiano curiosi ed esilaranti ospiti tra cui il protagonista Genesio Battaglino, un attempato e squattrinato professore di violino che non ha fatto fortuna a causa di un “incidente” sul lavoro. In un susseguirsi di spunti comici si risvegliano vecchi rancori, ambizioni di gioventù della padrona della pensione, sopite passioni amorose ed una vena di dolce malinconia.


VENERDI’ 11 LUGLIO
Compagnia Teatrale La Cioenda di Cunico (AT)
La Cioenda è presente sul nostro territorio ormai da molti anni esattamente dal 1992. Il gruppo nasce da un’idea di un gruppo di amici coordinati da Piero Cognasso regista, attore ed autore. Il gruppo fin dall’inizio propone spettacoli comici in dialetto monferrino scritti appositamente dal regista per la compagnia. Non solo gli spettacoli sono divertenti e facilmente fruibili dal pubblico, ma l’intento principale è quello di valorizzare e ripristinare il patrimonio culturale delle parlate dialettali.

La Compagnia presenta: “Mio nonno volava - Storia di un campagnino e di un Landini 45 CV” di Piero Cognasso.
Questa serata si svolge nell’ambito della Rassegna Provinciale E….state a teatro
In scena due attori accompagnano il pubblico all’interno della storia del Min (contadino che volava… con la fantasia): l’acquisto di un trattore, un Landini 45 CV, uno dei primi mai visti sulle nostre colline.
Una storia ambientata nelle nostre campagne all’inizio degli anni ’50, un racconto lieve, striato di umorismo e di qualche dolce malinconia, nel quale entrano ed escono persone e personaggi, momenti e situazioni, quotidianità e straordinarietà.
Accompagnano lo spettacolo la proiezione di immagini, sia d’epoca che realizzate appositamente, ed un sottofondo di suoni e commenti musicali che fanno da cornice a suggestioni leggere, nel quale i meno giovani ritroveranno sicuramente momenti della loro esistenza e i più giovani potranno scoprire particolarità oggi scomparse o dimenticate.


SABATO 12 LUGLIO
Compagnia Teatrale Alfatre di Collegno (TO)
Alfatre gruppo teatro vanta di una esperienza trentennale nelle attività teatrali, oltre alle rappresentazioni che sono l’impegno primario della compagnia, la stessa si impegna e collabora ad iniziative di carattere culturale

La Compagnia presenta: “Tut per mariè Ofelia” commedia brillante in due atti liberamente tratta da “Drolarie” di Fulberto Alarni
La commedia è incentrata su situazioni e personaggi tipici di fine ‘800, ma sempre attuali.
E’ la storia di una famiglia borghese composta da padre, ex bottegaio arricchito, che ora opera con successo in Borsa, da una madre che aspira ad un quarto di nobiltà e da una figlia romantica e svanita che sogna l’ amore con un poeta. Attorno alla famiglia gravitano un amico di famiglia furbo e maneggione ed un pretendente simpatico e squattrinato, in un susseguirsi di situazioni gustose e divertenti.
La commedia rappresentata con successo la prima volta nel 1881, ha sempre goduto di una larga popolarità e tra gli interpreti più noti primeggiano Mario Casaleggio e Gipo Farassino.



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=462