benvenuto su Castell'Alfero.net
Scopri Castell'Alfero > PERSONAGGI > Luciano Ravizza

il primo volume MOMENT 2/2/2006

Nel corso del 2003 è uscito il primo libro che raccoglie le poesie dialettali del castellalferese Luciano Ravizza.
 
Il libro si intitola MOMENT, LISTEURIE ‘D GENT ‘D PAIS DËL MONFRA’ e contiene 45 poesie in lingua piemontese, ispirate spesso al mondo contadino ed alla natura.
Il volume è composto da circa 80 pagine ed è edito dallo stesso autore; chi intendesse acquistarlo (8,00 €) si può rivolgere all’edicola Sabia di via Pastrone 47 a Castell’Alfero.

Nel libro la prefazione di Ito De Rolandis recita:
“Le emozioni sono di tutti, ma solo pochi sanno comunicarle. Luciano Ravizza è uno di questi.
Ha il dono di osservare e di valutare. Di intendere e di analizzare. Racconta poi ciò che la stia anima gli suggerisce, e lo fa con un fondo di nostalgia, come se il moderno contaminasse ciò che i! passato ci ha lasciato.
Per svelarci i contenuti della sua energia spirituale ha usato la poesia, vecchia di tremila anni, ed il piemontese, che non ha tre millenni, ma giovane non lo è neppure.
Si è servito di termini di ieri, alcuni praticamente scomparsi dalla parlata anche di quei contadini radicati nel Monferrato le cui radici si stanno perdendo.
Lo fa con grazia, con quel rispetto antico che è proprio degli artisti abituati ad accarezzare sentimenti e cose senza mai lederne la loro essenza.
Il piemontese giova alla sua straordinaria letteratura, e viene il sospetto che Ravizza lo abbia scelto ben consapevole del suo fondamento di lingua regionale, nata come espressione di messaggi che dovevano rimanere segreti, riservati ad una ristretta cerchia di amici fidati.
Ingranato il sistema di lettura, non sempre immediato, i versi di Luciano Ravizza si arricchiscono delle sfumature proprie dei termini della vetusta parlata, ed allora il lettore si trova facilmente coinvolto in una serena atmosfera di grazia, inconsueta armonia, singolare piacevolezza, squisita eleganza.

Grazie a lui, si schiude il cancello che racchiude i riserbi del cuore, e si entra nell'avvincente giardino delle passioni."

 

 



Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

l'URL di questo articolo e':
http://www.castellalfero.net/public/x/modules/mysections/article.php?lid=52