benvenuto su Castell'Alfero.net


Guida Tv silvestriana dal 12 al 18 novembre
Argomento: Alan Silvestri Data: 12/11/2017

Nella settimana dal 12 al 18 novembre 2017 vi sono ben 6 appuntamenti in tv sui principali canali nazionali gratuiti con film e documentari la cui colonna sonora è stata realizzata da Alan Silvestri, Cittadino Onorario di Castell'Alfero.

Su PARAMOUNT CHANNEL (canale 27 del Digitale Terrestre) domenica 12 novembre 2017 alle ore 15.45 verrà trasmesso il film SERENDIPITY - QUANDO L'AMORE E' MAGIA del regista Peter Chelsom interpretato da John Cusack, Kate Backinsale, Peter Chelsom, Molly Shannon, Jeremy Piven, John Corbett, Eugene Levy, Bridget Moynahan.
Si tratta di un film commedia sentimentale del 2001 della durata di 91 minuti, il cui titolo originale è “Serendipity”.
Questa pellicola costata 28 milioni di dollari uscì nelle sale degli USA il 5 ottobre 2001 ed ha incassato ai botteghini oltre 75 milioni di dollari.

LA TRAMA
Ad un passo dal matrimonio, Jonathan incontra a New York Sara, in vacanza nella Grande Mela per pochi giorni. E’ un colpo di fulmine per entrambi, ma la ragazza propone di affidarsi al destino scrivendo il suo nome e il suo indirizzo in un libro che poi vende ad un negoziante ambulante lungo la strada: solo trovando quel libro Jonathan potrà rivederla. E per l’innamorato quel libro diventa un’ossessione. La vana ricerca trova fine soltanto quando, beffardamente, è proprio la sua promessa sposa a regalargli l’oggetto tanto agognato, mentre Sara, in rotta con il suo compagno, è di nuovo in città per accompagnare un’amica. 

LA COLONNA SONORA di Alan Silvestri 
Lo stato dell’arte del Silvestri leggero e sentimentale. Tra toccate e fuga classicheggianti, approcci contenuti ed equilibrati, ampie pagine pianistiche (affidate al fedele Randy Waldman), interventi frugali ma di gran colore, un patchwork variegato mirabilmente amalgamato all’ingente repertorio pop. 

CD DELLA COLONNA SONORA
Serendipity
Columbia Records 61583

 

 

Su FOCUS (canale 56 del Digitale Terrestre)  lunedì 13 novembre 2017 alle ore 01.05 verrà trasmesso il documentario L'INIZIO DEL VIAGGIO il 1° episodio di COSMOS. ODISSEA NELLO SPAZIO, la serie televisiva di divulgazione scientifica composta da 13 episodi che sono impreziositi dalla colonna sonora composta dal musicista americano Alan Silvestri, Cittadino Onorario di Castell’Alfero, musiche che gli sono valse ben 2 Emmy Awards, prestigiosi premi considerati l'equivalente del Premio Oscar in ambito televisivo.
La prima messa in onda negli Stati Uniti di questo documentario, il cui titolo originale è "Standing Up in the Milky Way", fu domenica 9 marzo 2014, mentre in Italia domenica 16 marzo 2014 su National Geographic Channel Italia.
Una curiosità: questo primo episodio inizia con il conduttore Tyson Neil deGrasse che parla dal Parco Big Sur, in California sulla costa del Pacifico a pochi chilometri dalla residenza di Silvestri.

COSMOS: ODISSEA NELLO SPAZIO - la serie di documentari
Gli interessanti documentari della durata di circa 45 minuti, condotti dal celebre astrofisico statunitense Neil deGrasse Tyson hanno richiesto 6 anni di lavoro e sono stati girati in diverse parti del mondo tra cui l’Italia; il programma utilizza la più moderna computer grafica ed immagini in alta definizione, contiene interviste ai più importanti studiosi e dei cartoons che ricostruiscono vicende scientifiche, con le voci di varie celebrità hollywoodiane. È il sequel-remake della serie del 1980 COSMOS. A PERSONAL VOYAGE (in Italia trasmesso con il titolo “Cosmo”), uno dei principali programmi televisivi di divulgazione scientifica di sempre (la serie composta da 13 episodi fu vista da oltre 750 milioni di persone in oltre 175 Nazioni), ideato e condotto da Carl Sagan, fra i più famosi astrofisici del ventesimo secolo.

LA TRAMA
Il famoso astrofisico americano Tyson Neil deGrasse ci conduce a spasso nel tempo tra la storia, le ere e le galassie, alla scoperta di tutto ciò che circonda l'umanità. Inizia il viaggio!
L'episodio inizia con il conduttore che sale a bordo della “Astronave dell'immaginazione” per scoprire l'indirizzo cosmico della Terra all'interno del Supercluster della Vergine e il suo posto nello spazio e nel tempo. Mentre lo spettatore naviga nello spazio insieme al conduttore, diretto oltre i pianeti del nostro Sistema Solare, si passa accanto al pianeta Venere e viene mostrato l'intenso effetto serra di questo pianeta dalle temperature estremamente elevate. Poi si esplora la grande macchia rossa di Giove, un enorme uragano grande tre volte la Terra, e viene dato il primo confronto che mostra come la dimensione della Terra sia davvero minima se confrontata alla dimensione della Via Lattea, dello spazio. Si passa poi accanto al satellite Voyager 1, l’oggetto creato dall'uomo che si trova più lontano dalla Terra, e si conosce il Voyager Golden Record un disco dorato che contiene moltissime informazioni sulla razza umana.
Tyson spiega come la vista umana sia una grane limitazione nel cosmo e ci mostra come esempio i pianeti planemo estremamente scuri sono visti solamente con sensori a raggi infrarossi. Poi esamina la teoria delle bolle, e come il nostro universo osservabile potrebbe essere solo una bolla in un “insieme” senza fine di bolle, analogo a gocce di una cascata.
Nel cartone animato di questo episodio si conosce la vita e la visione del filosofo italiano Giordano Bruno (doppiato nella versione originale dal regista Seth MacFarlane) del XVI secolo come persona che ha sostenuto una teoria molto lungimirante che posizionava la Terra nell’immenso universo, con il Sole che è solo una stella tra tutte le altre. Infine si descrive la storia dell'universo attraverso lo schema del Calendario cosmico creato da Carl Sagan. L'episodio termina con un breve discorso di Tyson sulla vita e la carriera di Carl Sagan e come questi lo abbia profondamente ispirato a diventare un astrofisico.

CD DELLA COLONNA SONORA
COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 381    (pubblicato in cd: 13.06.2017

COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 386   (pubblicato in cd: 11.09.2017)

 

 

Su FOCUS (canale 56 del Digitale Terrestre)  lunedì 13 novembre 2017 alle ore 22.10 verrà trasmesso il documentario ENERGIE ALTERNATIVE il 12° episodio di COSMOS. ODISSEA NELLO SPAZIO, la serie televisiva di divulgazione scientifica composta da 13 episodi che sono impreziositi dalla colonna sonora composta dal musicista americano Alan Silvestri, Cittadino Onorario di Castell’Alfero, musiche che gli sono valse ben 2 Emmy Awards, prestigiosi premi considerati l'equivalente del Premio Oscar in ambito televisivo.
La prima messa in onda negli Stati Uniti di questo documentario, il cui titolo originale è "The World Set Free", fu domenica 25 maggio 2014, mentre in Italia domenica 1° giugno 2014 su National Geographic Channel Italia.

COSMOS: ODISSEA NELLO SPAZIO - la serie di documentari
Gli interessanti documentari della durata di circa 45 minuti, condotti dal celebre astrofisico statunitense Neil deGrasse Tyson hanno richiesto 6 anni di lavoro e sono stati girati in diverse parti del mondo tra cui l’Italia; il programma utilizza la più moderna computer grafica ed immagini in alta definizione, contiene interviste ai più importanti studiosi e dei cartoons che ricostruiscono vicende scientifiche, con le voci di varie celebrità hollywoodiane. È il sequel-remake della serie del 1980 COSMOS. A PERSONAL VOYAGE (in Italia trasmesso con il titolo “Cosmo”), uno dei principali programmi televisivi di divulgazione scientifica di sempre (la serie composta da 13 episodi fu vista da oltre 750 milioni di persone in oltre 175 Nazioni), ideato e condotto da Carl Sagan, fra i più famosi astrofisici del ventesimo secolo.

LA TRAMA
Durante il viaggio, arriviamo su una spiaggia idilliaca di Venere. Inoltre, concludiamo con una visione di cosa potrebbe riservarci il futuro da un punto di vista scientifico e tecnico.
L’episodio inizia con un viaggio in un altro pianeta e nel tempo: una spiaggia idilliaca durante l'ultimo giorno perfetto sul pianeta Venere, proprio prima che un incontrollato, devastante e repentino effetto serra semini il terrore sul pianeta, col ribollire degli oceani e col cielo di un colore giallo nauseante. Dall’esame dei dati inviati da sonde inviate su Venere, si è stabilito che questo pianeta una volta aveva oceani e l'atmosfera, ma a causa del rilascio di anidride carbonica dovuto ad imponenti eruzioni vulcaniche, un velocissimo effetto serra ha causato il brusco innalzamento delle temperature della superficie e l’ebollizione degli oceani.
Si passano poi ad analizzare ed esaminare i principali cambiamenti climatici avvenuti nel tempo sul pianeta Terra e nell’atmosfera terrestre, in particolare si illustrano la natura dell'effetto serra e le prove che dimostrano l'influenza del riscaldamento globale dovuto al comportamento dell'umanità.
Neil ripercorre la sorprendente lunga storia della consapevolezza umana del riscaldamento globale e della conseguente evoluzione tecnologica delle fonti di energia alternativa e sostenibile, viaggiando con un’astronave a ritroso nel tempo per conoscere alcuni nodi critici della storia della Terra.
Tyson rileva poi l’importanza della quantità di anidride carbonica nell'atmosfera che può influenzare il clima terrestre a causa dell'effetto serra, e che i livelli di anidride carbonica sono aumentati dall'inizio del 20° secolo. La scienza ha dimostrato che questo sia causato dall’utilizzo da parte dell'uomo di petrolio, carbone e gas anziché da eruzioni vulcaniche a causa del biossido di carbonio. L'aumento di anidride carbonica ha portato ad un aumento delle temperature, provocando il graduale scioglimento delle calotte polari.
Già nel 1896 lo scienziato svedese Svante August Arrhenius (1859 – 1927) pubblicò un articolo scientifico sull’emissione di anidride carbonica dovuta alle attività dell’uomo, seguito poi da quelli di E.O. Hurlbut nel 1930 e dall’ingegnere e inventore inglese Guy Stewart Callendar (1898 – 1964).
Tyson osserva poi che gli esseri umani hanno scoperto da molto tempo come raccogliere ed utilizzare l’energia solare: alla Fiera Mondiale Expo 1878 di Parigi l’inventore francese Augustin Mouchot (1825 – 1911) vinse una Medaglia d'oro per il suo concentratore solare che permetteva la fabbricazione di ghiaccio. Nel 1913 l’inventore americano Frank Shuman (1862 - 1918) costruì un impianto di irrigazione alimentando il motore della pompa tramite una serie di specchi solari in Egitto, realizzando la prima centrale termica solare con l'obiettivo di trasformare parte del Sahara in campi coltivati.
Tyson fa notare che in entrambi i casi il basso costo e la facilità di utilizzo sia del carbone che del petrolio avevano fatto abbandonare a quei tempi lo sviluppo di quelle interessanti invenzioni.
Oggi gli impianti solari ed eolici sarebbero facilmente in grado di raccogliere abbastanza energia solare dal sole: Tyson analizza le motivazioni e gli sforzi per passare a queste forme pulite di energia e sottolinea che non è troppo tardi per l'umanità per correggere il suo futuro.
Il titolo originale dell'episodio richiama quello dell’omonimo romanzo dello scrittore inglese HG Wells (1866 – 1946) pubblicato nel 1914, “The World Set Free” (in Italia venduto col titolo: La liberazione del mondo), dove Wells predice che l'umanità svilupperà armi nucleari distruttive, provocando una guerra globale devastante e costringendo poi il mondo a ritornare sui suoi passi, creando una nuova società che sfrutterà pacificamente la potenza dell'energia atomica.

CD DELLA COLONNA SONORA
COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 381    (pubblicato in cd: 13.06.2017

COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 386   (pubblicato in cd: 11.09.2017)

 

 

Su PARAMOUN CHANNEL (canale 27 del Digitale Terrestre) lunedì 13 novembre 2017 alle ore 23.10 verrà trasmesso il film BLOWN AWAY - FOLLIA ESPLOSIVA del regista Stephen Hopkins ed interpretato da Jeff Bridges, Tommy Lee Jones, Lloyd Bridges, Forrest Whitaker, Suzy Amis.
Film poliziesco del 1994 della durata di 116 minuti, il titolo originale americano è “Blown Away”.
La pellicola, girata a Vancouver e dintorni in Canada, uscì nei cinema USA il 1° luglio 1994.

TRAMA
Dopo una lunga militanza nei gruppi terroristici irlandesi, Liam McGinny ha cambiato vita. Trasferitosi a Boston sotto una nuova identità, è diventato Jimmy Dove, artificiere per il dipartimento di polizia, felicemente fidanzato con la violinista Kate. Ma quando tutto sembra procedere nel migliore dei modi e la pensione è ormai vicina, il passato si ripresenta nelle vesti di Ray Gaerity, amico in passato ed ora folle dinamitardo deciso a vendicarsi di un tradimento perpetrato anni prima dal poliziotto nei suoi confronti.

LA COLONNA SONORA di Alan Silvestri
Le musiche di Blown Away certificano come lo sviluppo stilistico palesato da Silvestri in Forrest Gump trovi, lo stesso anno, uguale dimensionamento anche in territorio action. Il nuovo principio d’orchestrazione è riscontrabile tanto nelle pagine più robuste e movimentate quanto nelle aperture di sapore celtico (“Prince’s Day”), dove Silvestri propone una raffinata ed eterea scrittura per coro sopranile a cappella di notevole forza evocativa.

CD DELLA COLONNA SONORA
Blown Away
Epic Soundtrax 476823 2 (pubblicato 21.06.1994)
Blown Away
Intrada Special Collection Volume ISC 264 (pubblicato 09.12.2013)

 

 

Su FOCUS (canale 56 del Digitale Terrestre)  venerdì 17 novembre 2017 alle ore 23.00 verrà trasmesso il documentario PAROLE IMMORTALI l'11° episodio di COSMOS. ODISSEA NELLO SPAZIO, la serie televisiva di divulgazione scientifica composta da 13 episodi che sono impreziositi dalla colonna sonora composta dal musicista americano Alan Silvestri, Cittadino Onorario di Castell’Alfero, musiche che gli sono valse ben 2 Emmy Awards, prestigiosi premi considerati l'equivalente del Premio Oscar in ambito televisivo.
La prima messa in onda negli Stati Uniti di questo documentario, il cui titolo originale è "The Immortals", fu domenica 18 maggio 2014, mentre in Italia domenica 25 maggio 2014 su National Geographic Channel Italia.

COSMOS: ODISSEA NELLO SPAZIO - la serie di documentari
Gli interessanti documentari della durata di circa 45 minuti, condotti dal celebre astrofisico statunitense Neil deGrasse Tyson hanno richiesto 6 anni di lavoro e sono stati girati in diverse parti del mondo tra cui l’Italia; il programma utilizza la più moderna computer grafica ed immagini in alta definizione, contiene interviste ai più importanti studiosi e dei cartoons che ricostruiscono vicende scientifiche, con le voci di varie celebrità hollywoodiane. È il sequel-remake della serie del 1980 COSMOS. A PERSONAL VOYAGE (in Italia trasmesso con il titolo “Cosmo”), uno dei principali programmi televisivi di divulgazione scientifica di sempre (la serie composta da 13 episodi fu vista da oltre 750 milioni di persone in oltre 175 Nazioni), ideato e condotto da Carl Sagan, fra i più famosi astrofisici del ventesimo secolo.

LA TRAMA
E' possibile che nel nostro cosmo ci siano esseri in grado di vivere per sempre? Come la vita si è sviluppata sulla Terra e c’è vita su altri pianeti? Inoltre, tentiamo di capire se è possibile comunicare con forme di vita intelligenti sul nostro pianeta.
L’episodio inizia spiegando come la nascita dei sistemi di scrittura ha permesso il trasferimento di informazioni attraverso le generazioni, descrivendo come la principessa e sacerdotessa sumera Enkheduanna (circa 2285 a.C. - 2250 a.C.) sarebbe stata tra i primi umani a firmare col proprio nome i propri testi, e come nelle raccolte delle storie di Gilgamesh sia documentata quella di Utnapishtim che narra di una grande inondazione paragonabile a quella della leggenda dell’arca di Noé. Il conduttore Neil deGrasse Tyson spiega come il DNA analogamente registra le informazioni sull’evoluzione della vita, e ipotizza teorie di come il DNA è nato sulla Terra, tra cui l'evoluzione da uno specchio d’acqua poco profondo, o da materie espulse da meteoriti provenienti a loro volta da collisioni di enormi meteore su altri pianeti.
In quest'ultimo caso, Tyson spiega come confrontando la composizione del meteorite caduto nel 1911 a El Nakhla, località presso Alessandria d'Egitto, ai risultati raccolti durante il Programma Viking, con le sonde Viking 1 e 2 che hanno esplorato Marte, dimostrano che tale meteorite possa provenire da Marte ed esser giunto sulla Terra dopo un violentissimo impatto sul pianeta rosso; inoltre viene illustrata la capacità di alcuni microrganismi di sopravvivere alle proibitive condizioni ambientali dello spazio. Con i movimenti dei sistemi solari attraverso la galassia, nel corso di miliardi di anni, la vita concettualmente potrebbe propagarsi da un pianeta all'altro nello stesso modo.
Tyson passa poi a considerare se la vita su altri pianeti potrebbe esistere. Egli spiega come il Progetto Diana dell’Esercito Americano eseguito nel 1946 ha dimostrato che le onde radio sono in grado di viaggiare nello spazio, e che tutti i segnali di trasmissione dell'umanità continuano a irradiarsi poi nello spazio dal nostro pianeta. Tyson osserva che altri progetti hanno da allora cercato segnali simili potenzialmente provenienti da altri sistemi solari. Tyson spiega poi che lo sviluppo e la durata delle civiltà extraterrestri devono essere ben considerati durante questa rilevazione; Neil osserva che durante il viaggio di questi “segnali” da un altro sistema solare o galassia a noi, queste civiltà potrebbero essersi estinte a causa di eventi cosmici come l’esplosione di supernove, oppure catastrofi naturali, come il disastro della super eruzione del vulcano Toba (in Indonesia che provocò 70.000 anni fa con le sue nubi un inverno lungo 10 anni), o addirittura l’auto-distruzione con la guerra o con altri mezzi. Nelle galassie ellittiche, dove esistono alcune fra le più antiche stelle nane rosse, vi sono le maggiori possibilità di trovare civiltà extraterrestri.
Tyson conclude che l'intelligenza umana, se applicata correttamente, dovrebbe consentire alla nostra specie di evitare tali catastrofi e in ogni caso ci permetterebbe di migrare, lasciando la Terra prima dell’eventuale trasformazione del Sole in una gigante rossa.

CD DELLA COLONNA SONORA
COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 381    (pubblicato in cd: 13.06.2017

COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 386   (pubblicato in cd: 11.09.2017)

 

 

Su FOCUS (canale 56 del Digitale Terrestre)  sabato 18 novembre 2017 alle ore 14.20 verrà trasmesso il documentario ENERGIE ALTERNATIVE il 12° episodio di COSMOS. ODISSEA NELLO SPAZIO, la serie televisiva di divulgazione scientifica composta da 13 episodi che sono impreziositi dalla colonna sonora composta dal musicista americano Alan Silvestri, Cittadino Onorario di Castell’Alfero, musiche che gli sono valse ben 2 Emmy Awards, prestigiosi premi considerati l'equivalente del Premio Oscar in ambito televisivo.
La prima messa in onda negli Stati Uniti di questo documentario, il cui titolo originale è "The World Set Free", fu domenica 25 maggio 2014, mentre in Italia domenica 1° giugno 2014 su National Geographic Channel Italia.

COSMOS: ODISSEA NELLO SPAZIO - la serie di documentari
Gli interessanti documentari della durata di circa 45 minuti, condotti dal celebre astrofisico statunitense Neil deGrasse Tyson hanno richiesto 6 anni di lavoro e sono stati girati in diverse parti del mondo tra cui l’Italia; il programma utilizza la più moderna computer grafica ed immagini in alta definizione, contiene interviste ai più importanti studiosi e dei cartoons che ricostruiscono vicende scientifiche, con le voci di varie celebrità hollywoodiane. È il sequel-remake della serie del 1980 COSMOS. A PERSONAL VOYAGE (in Italia trasmesso con il titolo “Cosmo”), uno dei principali programmi televisivi di divulgazione scientifica di sempre (la serie composta da 13 episodi fu vista da oltre 750 milioni di persone in oltre 175 Nazioni), ideato e condotto da Carl Sagan, fra i più famosi astrofisici del ventesimo secolo.

LA TRAMA
Durante il viaggio, arriviamo su una spiaggia idilliaca di Venere. Inoltre, concludiamo con una visione di cosa potrebbe riservarci il futuro da un punto di vista scientifico e tecnico.
L’episodio inizia con un viaggio in un altro pianeta e nel tempo: una spiaggia idilliaca durante l'ultimo giorno perfetto sul pianeta Venere, proprio prima che un incontrollato, devastante e repentino effetto serra semini il terrore sul pianeta, col ribollire degli oceani e col cielo di un colore giallo nauseante. Dall’esame dei dati inviati da sonde inviate su Venere, si è stabilito che questo pianeta una volta aveva oceani e l'atmosfera, ma a causa del rilascio di anidride carbonica dovuto ad imponenti eruzioni vulcaniche, un velocissimo effetto serra ha causato il brusco innalzamento delle temperature della superficie e l’ebollizione degli oceani.
Si passano poi ad analizzare ed esaminare i principali cambiamenti climatici avvenuti nel tempo sul pianeta Terra e nell’atmosfera terrestre, in particolare si illustrano la natura dell'effetto serra e le prove che dimostrano l'influenza del riscaldamento globale dovuto al comportamento dell'umanità.
Neil ripercorre la sorprendente lunga storia della consapevolezza umana del riscaldamento globale e della conseguente evoluzione tecnologica delle fonti di energia alternativa e sostenibile, viaggiando con un’astronave a ritroso nel tempo per conoscere alcuni nodi critici della storia della Terra.
Tyson rileva poi l’importanza della quantità di anidride carbonica nell'atmosfera che può influenzare il clima terrestre a causa dell'effetto serra, e che i livelli di anidride carbonica sono aumentati dall'inizio del 20° secolo. La scienza ha dimostrato che questo sia causato dall’utilizzo da parte dell'uomo di petrolio, carbone e gas anziché da eruzioni vulcaniche a causa del biossido di carbonio. L'aumento di anidride carbonica ha portato ad un aumento delle temperature, provocando il graduale scioglimento delle calotte polari.
Già nel 1896 lo scienziato svedese Svante August Arrhenius (1859 – 1927) pubblicò un articolo scientifico sull’emissione di anidride carbonica dovuta alle attività dell’uomo, seguito poi da quelli di E.O. Hurlbut nel 1930 e dall’ingegnere e inventore inglese Guy Stewart Callendar (1898 – 1964).
Tyson osserva poi che gli esseri umani hanno scoperto da molto tempo come raccogliere ed utilizzare l’energia solare: alla Fiera Mondiale Expo 1878 di Parigi l’inventore francese Augustin Mouchot (1825 – 1911) vinse una Medaglia d'oro per il suo concentratore solare che permetteva la fabbricazione di ghiaccio. Nel 1913 l’inventore americano Frank Shuman (1862 - 1918) costruì un impianto di irrigazione alimentando il motore della pompa tramite una serie di specchi solari in Egitto, realizzando la prima centrale termica solare con l'obiettivo di trasformare parte del Sahara in campi coltivati.
Tyson fa notare che in entrambi i casi il basso costo e la facilità di utilizzo sia del carbone che del petrolio avevano fatto abbandonare a quei tempi lo sviluppo di quelle interessanti invenzioni.
Oggi gli impianti solari ed eolici sarebbero facilmente in grado di raccogliere abbastanza energia solare dal sole: Tyson analizza le motivazioni e gli sforzi per passare a queste forme pulite di energia e sottolinea che non è troppo tardi per l'umanità per correggere il suo futuro.
Il titolo originale dell'episodio richiama quello dell’omonimo romanzo dello scrittore inglese HG Wells (1866 – 1946) pubblicato nel 1914, “The World Set Free” (in Italia venduto col titolo: La liberazione del mondo), dove Wells predice che l'umanità svilupperà armi nucleari distruttive, provocando una guerra globale devastante e costringendo poi il mondo a ritornare sui suoi passi, creando una nuova società che sfrutterà pacificamente la potenza dell'energia atomica.

CD DELLA COLONNA SONORA
COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 381    (pubblicato in cd: 13.06.2017

COSMOS: A SPACETIME OSYSSEY - VOLUME 1 Original Music From The TV Series
Intrada Special Collection Volume ISC 386   (pubblicato in cd: 11.09.2017)

 


----------------------------------------------------------------------------------------------------
trama e commento alla colonna sonora film di Giuliano Tomassacci
 




Questo articolo proviene da Castell'Alfero.net
http://www.castellalfero.net/public/x

L'indirizzo Web per questa notizia :
http://www.castellalfero.net/public/x/article.php?storyid=2925